Quando si parla di paradossi ci si riferisce per lo più a mentitori e tartarughe, ma c’è anche chi, come Escher, i paradossi non li scrive, ma li disegna.