In un periodo di crisi la produzione culturale si riorganizza, ma ci sono dei rischi per la democrazia e per l’idea stessa di cultura.