Il costo esorbitante dell’arte di Damien Hirst (e di tante altre operazioni simili) è riscattato dal suo valore estetico?