Perché la “fine del mondo” va così di moda?