Da George Washington a Orazio fino a Tommaso d’Aquino: elogio della più rara delle virtù.