Trecento anni dopo la morte di Gottfried Wilhelm Leibniz e settecento anni dopo quella di Raimondo Lullo, Jonathan Gray osserva come le loro pionieristiche interpretazioni del calcolo e dell’arte combinatoria siano alla base della nostra epoca di dati, algoritmi e intelligenza artificiale.