Interrogatori umilianti, abusi verbali, strategie difensive ai limiti della violenza. Processi che per le vittime diventano forche caudine. Esiste un modo eticamente lecito per difendere uno stupratore?