Secondo Martin Rees il nostro cervello, frutto di un’evoluzione lenta e millenaria, potrebbe incontrare dei limiti insuperabili alla comprensione della realtà perché potrebbe non essere abbastanza potente per affrontare alcune informazioni, oppure perché le cose da sapere potrebbero finire.