Guerre mondiali, viaggi nel tempo ed Esperanto, in un racconto di Filippo Rigli.