Come musiche continuative, videomapping e decorazioni pacchiane riescono a innescare la sindrome di Stendhal