Secondo la Teoria del Mondo Intenso, la mente degli autistici non è più lenta delle altre, ma iperfunzionante. In questo saggio autobiografico, un autore affetto dalla sindrome di Asperger osserva come spesso le cure che imponiamo siano più utili a cancellare una fastidiosa diversità che a far star bene chi le subisce.