La verginità non è qualcosa che “si perde”. In questa breve storia dell’imene, e di come sia stato erroneamente eletto sigillo di verginità, Carla Fronteddu mette in luce un aspetto centrale dell’ignoranza: che questa a volte, più che un vuoto da colmare, è l’effetto di una produzione attiva. E la definizione di verginità come condizione biologica ne è un caso esemplare.