24 posts by Indiscreto

Nella serie TV ispirata al romanzo di Margaret Atwood il dolore e l’umiliazione sono il tramite attraverso cui si empatizza coi personaggi e la loro condizione. Ma l’indignazione non basta più: serve ripartire dal piacere piuttosto che dal dolore per costituirsi come soggetto desiderante, e non più come oggetto di abuso.

Filosofi come Achille Varzi hanno provato a rispondere al dilemma dei buchi: esistono o no? Sono delle presenze o delle assenze?

09/07/2018

Rivoluzione in Occidente

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 0

In tempi di populismo, semplificazione del discorso politico e ritorno di politiche autoritarie, autarchiche e razziste è utile cercare di capire cosa muove le coscienze: diffidenza e paura, certo, ma soprattutto l’idea che sia necessaria la difesa di un’identità culturale. Ma quale?

La sfiducia nella scienza non è solamente un fatto ideologico, anzi, su alcuni specifici temi è essenzialmente legata al grado di religiosità.

La galleria virtuale Greencube ospita una mostra a tema meme e propaganda. Federico Di Vita ha intervistato artisti ed esperti per capire come si evolve il rapporto tra meme e sinistra politica.

La scienza, secondo alcuni, è andata fuori strada. Ma chi siamo noi per per dire quale sia la via che porta alla realtà?

Secondo Martin Rees il nostro cervello, frutto di un’evoluzione lenta e millenaria, potrebbe incontrare dei limiti insuperabili alla comprensione della realtà perché potrebbe non essere abbastanza potente per affrontare alcune informazioni, oppure perché le cose da sapere potrebbero finire.

Rendersi conto di sognare all’interno di un sogno, uno stato conosciuto come “sogno lucido”, è possibile e per farlo c’è una formula

28/05/2018

Conversazioni con un’IA

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 1

Google ha lanciato Duplex, un’intelligenza artificiale capace di parlare in modo convincente, ma siamo sicuri che sia una novità e che ci sia da allarmarsi?

Una scelta lessicale potrebbe aiutare a includere maggiormente tutti i generi e a cambiare il modo in cui si pensa l’uguaglianza (non senza qualche difficoltà)