Arte

Le figure femminili dei tarocchi,  spiegate attraverso la poesia, la musica e la letteratura.

30/11/2018

L’asino nell’arte

Scritto da Pubblicato in Arte, In libreria Commenti 1

Un inusuale percorso nella storia dell’arte a dorso d’asino, che dimostra come la storia di questo animale parli molto anche della nostra.

Generata dal diavolo stesso e col dono di grandi poteri profetici, Madre Shipton era la risposta dello Yorkshire alla figura di Nostradamus. Lo scrittore Ed Simon esamina come, indipendentemente dal fatto che questa strega sia esistita o meno, la leggenda di Madre Shipton ha esercitato un grande potere per secoli – dalle congiure delle corti di Tudor, agli attriti della guerra civile, fino allo spettro dell’apocalisse vittoriana.

Un saggio di Patricia Mainardi racconta un illustratore che fu precursore del surrealismo: l’artista francese J. J. Grandville.

Internet è invaso da un meme, NPC Wojak, che può essere letto come la conseguenza di un mutamento progressivo della comunicazione e della razionalità umana. Attraverso di esso Tommaso Guariento propone un percorso tra ambiguità e semplificazione dei simboli.

I talenti della nuova generazione di animatori giapponesi, come quello di Mamoru Hosoda, sono sorprendenti, ma non bisogna necessariamente paragonarli a Miyazaki.

Black Mirror è un’opera capace di tenere in sé le tensioni di un’epoca. È la rappresentazione più tangibile di una serie di angosce che accompagnano quelle azioni sempre più frequenti riassumibili nell’uso della tecnologia. Vi proponiamo un’immersione in questo prodotto culturale per scorgere i contorni di un’epoca in via di formazione.

Una carta dei tarocchi, “Il Matto”,  spiegata attraverso la letteratura, la poesia, il mito e – ovviamente – la magia.

Il pittore nato ad Alessandria raccontò una società bisognosa che oggi, nonostante sia passato un secolo, è più attuale che mai.

Jon Crabb ci parla della mania delle streghe della prima Europa moderna, e di come il concomitante aumento della xilografia di massa abbia contribuito a forgiare l’archetipo della vecchia che vola sulla scopa – con tanto di gatti e calderone – che oggi è così familiare.