Arte

L’immaginazione visiva è essenziale per il ragionamento, i ricordi e la memoria – ma ha dei limiti.

05/01/2018

L’arte della filosofia

Scritto da Pubblicato in Arte, Articoli Commenti 0

Con il loro elaborato gioco tra testo e immagini, le incisioni progettate dal frate francese Martin Meurisse per veicolare il pensiero aristotelico sono senz’altro di grande effetto. Susanna Berger esplora la funzione di queste opere, mostrando come tali commentari visivi siano serviti non solo per esprimere idee filosofiche in modo nuovo, ma anche per generare un modo di pensare unico nel suo genere.

I graffiti e la street art potrebbero essere un aiuto concreto alla gentrificazione. Come gestire un’attività deregolamentata, fatta da creativi mal pagati che favoriscono cambiamenti globali?

Soprattutto negli Stati Uniti, le mostre di arte contemporanea attraggono più delle altre e stanno progressivamente relegando ai margini l’arte del passato, con importanti conseguenze per il mondo dell’arte.

Uno dei romanzi più strani mai scritti viene finalmente ripubblicato: persino chi trova semplice il Finnegans Wake di Joyce avrà difficoltà con Obsoleto, dell’artista italiano Vincenzo Agnetti.

Nonostante (e contro) il dilagante puritanesimo, è necessario preservare le opere d’arte.

Le foto di graffiti che girano on line non sono solo documentazione delle opere, ma il cuore dell’opera stessa, il suo fine ultimo.

Rifiutare le opere di artisti immorali? Attribuire l’etica dell’autore alle sue opere? Boicottare artisti morti? Sono solo alcune delle domande che ci poniamo, ma che spesso hanno poco fondamento.

17/11/2017

Retrospettiva Yamato

Scritto da Pubblicato in Arte, Fumetto Commenti 0

Il linguaggio mitologico dei personaggi di Matsumoto, il creatore del celebre Capitan Harlock.

13/11/2017

Definire il demoniaco

Scritto da Pubblicato in Arte, Articoli Commenti 2

Il Dictionnaire infernal di Jacques Collin de Plancy, un monumentale compendio del diabolico, fu pubblicato per la prima volta nel 1818 e ottenne da subito un grande successo. Ma fu l’edizione illustrata del 1863 a rendere il libro un punto di riferimento nello studio e nella rappresentazione dei demoni. Ed Simon esplora quest’opera, una sintesi improbabile  – ma sensata – di Illuminismo e occulto.