Articoli

Con le scoperte scientifiche di fine novecento si è aperto uno spiraglio per un “nuovo spirito scientifico”, lontano dall’idea di coscienza e sempre più connesso a quelle di complessità e indeterminazione.

Se le relazioni istantanee tra elementi distanti sembrano strane, le interazioni tra particelle che esistono in tempi diversi rasentano l’assurdo – eppure potrebbero accadere realmente.

Interrogatori umilianti, abusi verbali, strategie difensive ai limiti della violenza. Processi che per le vittime diventano forche caudine. Esiste un modo eticamente lecito per difendere uno stupratore?

Letti nuziali, prigioniere e tronchi rigonfi – La tassonomia delle piante di Linneo annunciò una nuova era nell’Europa del diciasettesimo secolo: quella in cui si parlava delle piante in termini sessuali. Martin Kemp esplora come l’associazione tra floreale ed erotico abbia raggiunto il suo apice visivo nel bellissimo “Tempio di Flora”, illustrato da Robert Thornton.

Una conversazione con Edgardo Franzosini, l’autore de Il mangiatore di carta, il più sfuggente tra i nuovi scrittori manieristi italiani.

Isravele, l’artista-eremita che vent’anni fa decise di abitare il faro abbandonato di Monte Gallo, in Sicilia, eleggendolo a sede del suo ritiro e trasformandolo in un omaggio artistico al divino.

La verità delle nostre opinioni potrebbe non importarci, offuscata dalla convenienza e dalla necessità di affermazione. Eppure esiste un metodo per capire se davvero crediamo a ciò che diciamo.

12/03/2018

Esiste il multiverso?

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 0

L’universo è grande, ma potrebbe non essere unico: quanto è plausibile l’esistenza di universi paralleli?

Trecento anni dopo la morte di Gottfried Wilhelm Leibniz e settecento anni dopo quella di Raimondo Lullo, Jonathan Gray osserva come le loro pionieristiche interpretazioni del calcolo e dell’arte combinatoria siano alla base della nostra epoca di dati, algoritmi e intelligenza artificiale.

07/03/2018

Perché vincono i populisti?

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 0

Ci sono tre motivi per cui delle versioni semplicistiche della realtà hanno così tanto successo: uno è politico, uno percettivo e uno psicologico.