in libreria

Secondo la Teoria del Mondo Intenso, la mente degli autistici non è più lenta delle altre, ma iperfunzionante. In questo saggio autobiografico, un autore affetto dalla sindrome di Asperger osserva come spesso le cure che imponiamo siano più utili a cancellare una fastidiosa diversità che a far star bene chi le subisce.

28/09/2018

Cieli in contraddizione

Scritto da Pubblicato in in libreria Commenti 1

La tesi semigeocentrica di Giovanni Riccioli ci fa riflettere sulla curiosa longevità delle teorie false. Il sistema di convinzioni che le sostiene è così tenace da negare ogni palese contraddizione, o ciò che viene descritto è parzialmente vero, almeno in riferimento ad alcune proprietà della realtà che si indaga?

Esiste un solo argomento contro il diritto all’autodistruzione, e questo argomento non è morale e giuridico, bensì religioso.

Aveva ragione Giordano Bruno, quando parlava di un’infinità di mondi?

Case che rappresentano strutture sociali, abitazioni a forma di animali e di ecosistemi: cosa ci insegna lo studio dell’architettura delle popolazioni artiche.

Una volta Elio Vittorini chiese a Eugenio Montale di tradurre F.S. Fitzgerald: era la prima volta che in Italia veniva tradotto un suo racconto, dopo l’esordio fallimentare con Il Grande Gatsby. Ma a leggere bene le parole con cui Vittorini lo accoglieva nell’antologia Americana, sembra che per la critica italiana quel fallimento non sia mai finito.

Di fronte al mistero del mondo, l’arte romantica chiama a raccolta tutte le capacità umane, quelle conosciute e quelle ancora da scoprire: “la ragione, l’intelletto, la fantasia, la fede, l’illusione e, se null’altro ci sorregge, la follia” (Goethe).

Un saggio della vita e del pensiero di Davi Kopenawa, sciamano e portavoce dell’Amazzonia brasiliana, introdotto e trascritto dall’antropologo Bruce Albert.

Come la raccolta dei dati e l’interattività hanno influenzato l’arte contemporanea

20/05/2018

Cometa

Scritto da Pubblicato in in libreria, Racconti brevissimi Commenti 0

Un estratto dal romanzo “Cometa”, di Gregorio Magini (Neo Edizioni): nello specifico, un brano che parla di un’opera d’arte molto particolare.