Cose belle da leggere è una breve rassegna di articoli difficili, interessanti, strani o tutte e tre le cose usciti durante la settimana. Selezionati da Francesco D’Isa.


L’ISIS è una rivoluzione

Uno dei più illuminanti articoli sul tema che io abbia letto finora.

L’estremismo violento non rappresenta la rinascita delle culture tradizionali, ma il loro crollo; le giovani generazioni disancorate da tradizioni millenarie si agitano alla ricerca di un’identità sociale che dia un senso alla vita e gloria. Questo è il lato oscuro della globalizzazione. Gli individui si radicalizzano per trovare un’identità forte in un mondo appiattito.

• Maometto e Robesbierre

Un complemento all’articolo di cui sopra, in italiano e più incentrato sulla religione.

«L’Islam per sua natura non è compatibile con i valori di una società laica e moderna». […] un metodo efficace per testare la validità della tesi è sostituire la parola «Islam» con «ebraismo» e «Corano» con «Antico testamento», testo non privo di passaggi sanguinari atti al gioco: il più delle volte si otterrà un’affermazione schiettamente antisemita, che verrebbe condannata con fermezza nelle trasmissioni televisive e sulle pagine dei giornali che non si pongono il problema di ospitarla quand’è riferita alla fede islamica.

• Mondi senza fine

Alla fine del 19esimo secolo gli scienziati sostenevano di aver dimostrato l’esistenza di altri mondi e di demoni che muovono le forze “magiche” e paranormali del nostro.

• Un algoritmo rompe un’impasse trentennale

La soluzione (forse) a un problema che si credeva insolubile. Sono a malapena riuscito a capire quale fosse il problema, ma l’illustrazione, oltre che ipnotica, è molto chiara.

• La Gioconda è al 43% felice

Almeno secondo la nuova App Microsoft che “riconosce” le emozioni.

• Le intraducibili

Un libro illustrato di parole intraducibili in altre lingue.

• The GIF Museum of Industrial Civilization

È esattamente quel che dice di essere.


Francesco D’Isa ha esposto quadri e pubblicato libri, come I., (Nottetempo, 2011), Anna – storia di un palindromo (Effequ, 2014), Ultimo piano (o porno totale) (Imprimatur, 2015), Forse non tutti sanno che a Firenze… (Newton Compton 2015). Dirige L’INDISCRETO e scrive su vari blog e giornali.
Grafica di copertina di Riccardo Piccioni