La città virtuosa di Al-Farabi, la fantascienza femminista di Rokeya Sakhawat Hussain, fino al recente debutto letterario di Ibraheem Abbas Yasser Bahjatt, con HWJN: scoprire la fantascienza musulmana.


(Questo testo è la traduzione italiana di un articolo precedentemente uscito su Aeon sotto licenza Creative Commons)

di Muhammad Aurangzeb Ahmad

Pensate che gli uomini invisibili, i viaggi nel tempo, le macchine volanti e i viaggi interstellari siano un prodotto esclusivo dell’immaginazione europea o “Occidentale”? Leggete Le mille e una notte – una raccolta di racconti scritti durante l’età dell’oro islamica, dall’ottavo al tredicesimo secolo d.C. – lo troverete pieno di storie simili, e molto altro ancora.

I lettori occidentali spesso ignorano la fantascienza del mondo musulmano. Utilizzo questo termine in senso abbastanza ampio, in modo da includere qualsiasi storia che immagina le implicazioni di progressi culturali o scientifici, reali o immaginari. Alcune delle prime incursioni nel genere erano le utopie sognate durante la fioritura culturale dell’“epoca d’oro”. Cioè il periodo in cui l’impero islamico si estese dalla penisola arabica fino a conquistare i territori che vanno dalla Spagna all’India, la letteratura ha affrontato la questione dell’integrazione di una vasta gamma di culture e persone. La città virtuosa (al-Madina al-Fadila), scritto dallo studioso Abū Naṣr Muḥammad ibn Muḥammad Fārābī nel nono secolo, è stato uno dei primi grandi testi prodotti dalla nascente civiltà musulmana. È stato scritto sotto l’influenza de La Repubblica di Platone, e immagina una società perfetta governata da filosofi musulmani – un modello di governo per il mondo islamico.

Oltre alla filosofia politica, un tratto distintivo della scrittura musulmana dell’epoca erano i dibattiti circa il valore della ragione. Il primo romanzo arabo, Il Filosofo autodidatta (Hayy ibn Yaqzan, letteralmente Vivente, Figlio di Risvegliato), è stato scritto da Ibn Tufail, un medico musulmano della Spagna del dodicesimo secolo. È una sorta di Robinson Crusoe arabo, un esperimento mentale sul modo in cui un essere razionale e privo di influenze esterne potrebbe conoscere l’universo. Racconta di un bambino solitario, allevato da una gazzella su un’isola remota, che non ha accesso alla cultura o alla religione finché non incontra un naufrago. Molti dei temi del libro – la natura umana, l’empirismo, il senso della vita, il ruolo dell’individuo nella società – ricordano le preoccupazioni dei filosofi del tardo Illuminismo, come John Locke e Immanuel Kant.

Dobbiamo ringraziare il mondo musulmano anche per una delle prime opere di fantascienza femminista. Il racconto Il sogno di Sultana (1905) di Rokeya Sakhawat Hussain, scrittrice e attivista bengalese, è ambientato nel mitico regno di Ladyland. Qui i ruoli di genere sono invertiti e il mondo è gestito dalle donne, a seguito di una rivoluzione in cui quest’ultime hanno usato la propria conoscenza scientifica per sopraffare gli uomini (che stupidamente avevano rifiutato l’educazione delle donne etichettandola come un “incubo sentimentale”). Il risultato è un mondo molto più tranquillo e piacevole. A un certo punto, Sultana, la visitatrice, si accorge che delle persone le ridono dietro. La sua guida le spiega:

“Le donne dicono che sei molto mascolina.”.

“Mascolina?” risposi, “Che cosa intendi?”

“Sei timida e riservata come gli uomini.”.

Più tardi, Sultana si incuriosisce sempre di più per lo squilibrio di genere:

“Dove sono gli uomini?” Le chiesi.

“Al loro posto.”.

“E cosa intendi per loro posto?”

“Ti chiedo scusa, sei nuova e non puoi conoscere le nostre abitudini. Abbiamo chiuso i nostri uomini in casa.”.

All’inizio del ventesimo secolo, la fantascienza musulmana era una forma di resistenza alle forze del colonialismo occidentale. Ad esempio, Muhammadu Bello Kagara, un autore nigeriano Hausa, ha scritto Ganďoki (1934), un romanzo ambientato in un’Africa occidentale alternativa; nella storia, gli indigeni sono coinvolti in una lotta contro il colonialismo britannico, ma in un mondo popolato da jinn e altre creature magiche. Nei decenni successivi, appena gli imperi occidentali hanno cominciato a sgretolarsi, il tema dell’utopia politica era spesso sviluppato con un certo cinismo. Ad esempio, il romanzo dell’autore marocchino Muhammad Aziz Lahbabi, L’elisir della vita (Iksiral-Hayat del 1974) è incentrato sulla scoperta di un elisir che può regalare l’immortalità. Ma invece di riempire la società di speranza e di gioia, fomenta divisioni di classe, rivolte, e la distruzione del tessuto sociale.

Dalle culture musulmane contemporanee è emerso un filone ancora più oscuro di narrativa. Frankenstein a Baghdad (2013), di Ahmed Saadawi, reimmagina Frankenstein nell’odierno Iraq, tra le ricadute dell’invasione del 2001. In questa rivisitazione, il mostro viene creato con parti del corpo di diverse persone, morte a causa della violenza etnica e religiosa – e, infine, si infuria con se stesso. Nel suo dipanarsi, il romanzo è un’esplorazione dell’insensatezza della guerra.

Negli Emirati Arabi Uniti, il romanzo per giovani adulti di Noura Al Noman, Ajwan (2012), segue il viaggio di una giovane aliena anfibia, che combatte per ritrovare il figlio rapito; da cui è stata tratta anche una serie TV, e tocca temi quali i rifugiati e l’indottrinamento politico. In Arabia Saudita, il debutto letterario di Ibraheem Abbas Yasser Bahjatt, HWJN (2013), esplora le relazioni di genere, il fanatismo religioso e l’ignoranza, e offre una spiegazione naturalistica dell’esistenza dei jinn, che nel romanzo risiedono in una dimensione parallela. O ancora il desolante romanzo dello scrittore egiziano Ahmad Towfiq, Utopia (2008), che immagina una comunità del 2023, dove la creme della società egiziana si ritira dopo il collasso economico e sociale del paese. Nel periodo successivo alla primavera araba in Egitto, il romanziere Basma Abdel Aziz evoca invece un mondo kafkiano in Nella coda (2016) – un libro ambientato a seguito di una rivolta fallita, in cui i cittadini indifesi lottano per sopravvivere sotto il governo di un dittatore assurdo e inquietante.

La fantascienza è spesso assimilata al romanticismo europeo e letta come una reazione alla rivoluzione industriale. Ma se questo percorso attraverso secoli di creatività musulmana dimostra qualcosa, è che le tecnologie fantastiche, le ambientazioni in assetti sociali utopici, il gioco con i confini tra mente, macchine e animali, non sono un appannaggio esclusivo dell’Occidente.


Muhammad Aurangzeb Ahmad è senior data scientist presso Groupon, professore di informatica presso la University of Washington, inventore e artista. La sua ricerca verte su modelli comportamentali, machine learning, e natural language-processing. Scrive per Three Quarks Daily (3QD).
Traduzione di Francesco D’Isa
In copertina: Jan van Kessel the Elder – Festoon, Masks, and Rosettes Made of Shells, 1656

Aeon counter – do not remove