Con il loro elaborato gioco tra testo e immagini, le incisioni progettate dal frate francese Martin Meurisse per veicolare il pensiero aristotelico sono senz’altro di grande effetto. Susanna Berger esplora la funzione di queste opere, mostrando come tali commentari visivi siano serviti non solo per esprimere idee filosofiche in modo nuovo, ma anche per generare un modo di pensare unico nel suo genere.


(Questo testo è la traduzione italiana di un articolo precedentemente uscito su The Public Domain Review sotto licenza Creative Commons)

di Susanna Berger

Nel 1619, Martin Meurisse (1584-1644), professore francescano di filosofia al Grand Couvent des Cordeliers di Parigi, è coinvolto in un dibattito con il pastore protestante François Oyseau (1545-1625) sul significato dei cerimoniali della messa. Nel calore dello scambio, travolto dall’accusa di essere un logico scadente, Oyseau accusa Meurisse di essere un incompetente, in quanto “logico solo nella pittura e nell’incisione delle lastre di rame”. La frecciata di Oyseau allude a una serie di stravaganti incisioni di teorie filosofiche, che incorporano testo e immagine, progettate da Meurisse per i suoi studenti di filosofia, per essere utilizzate durante gli esami orali. Anche se per Oyseau si trattava di “frivole allegorie”, queste incisioni pedagogiche sono considerate oggi tra i primi e più importanti casi di filosofia visiva, e la loro inventiva iconografia ha ispirato nuove visualizzazioni del pensiero, dai taccuini delle lezioni degli studenti di Leuven ai libri di testo tedeschi del Settecento.

Realizzate in collaborazione con l’incisore Léonard Gaultier e pubblicate da Jean Messager , le incisioni di Meurisse sono meravigliosamente dense e complesse: si tratta di elaborate rappresentazioni di paesaggi e strutture architettoniche ornate da una vertiginosa schiera di figure, animali e oggetti, commentate infine da citazioni tratte dai testi di filosofi classici e scolastici. La prima, una sintesi di logica intitolata Artificiosa totius logices descriptio (Descrizione artefatta della logica nella sua interezza), apparve nel 1614. L’anno successivo, Meurisse e Gaultier realizzano la Clara totius fisiologiae sinossi (Una chiara sinossi della fisica nella sua interezza), che rappresenta la filosofia naturale aristotelica. Il loro terzo lavoro, il Laurus metaphysica (Lauro metafisico), 1616, rappresenta la metafisica e il quarto, Tableau industrieux de toute la philosophie morale, del 1618, raffigura la filosofia morale. Inoltre, una quinta incisione, intitolata Typus necessitatis logicae ad alias scientias scientias capessendas (Schema delle necessità logiche per comprendere gli altri rami della conoscenza), ispirata dalla Descriptio, apparve qualche anno dopo, nel 1622. Incisa anch’essa da Gaultier e pubblicata da Messager, quest’opera è stata disegnata dal professore di filosofia carmelitano Jean Chéron (1596-1673).

Clara totius physiologiae synopsis, 1615

 

Laurus metaphysica, 1616

Si tratta di incisioni impressionanti non solo in termini di dimensioni fisiche, ma anche in relazione all’enorme mole di lavoro e alla collaborazione tra un’estesa rete di studiosi, artigiani, incisori, committenti e tipografi coinvolti. Lo sforzo e il considerevole costo sostenuto per creare queste e altre immagini filosofiche testimoniano quanto siano state apprezzate nello studio e nella trasmissione della filosofia. Sebbene le stampe di Meurisse, Chéron e Gaultier fossero relativamente poco conosciute nel corso del diciassettesimo e diciottesimo secolo, per un pugno di accademici europei hanno rappresentato un profondo impatto sulla didattica filosofica. A metà del Seicento, a Londra, Descriptio, Laurus metaphysica e Tableau sono state riprodotte e tradotte in inglese da Richard Dey, studioso dell’Università di Cambridge, mentre una copia del Sinodo di Meurisse è stata esposta al teatro anatomico dell’Università di Leiden da Otto van Heurne, professore di medicina. L’acclamazione di Meurisse come progettista di incisioni illustrate viene riportata anche nel travelogue ungherese Europica varitas del 1620 di Márton Szepsi Csombor), che, visitando Parigi nel 1618, era “ansioso di conoscere il celebre e intelligentissimo frate, che, con grande maestria, mise un intero corso di filosofia sulla tavola di un incisore”.

Queste incisioni caleidoscopiche e teoriche rappresentano qualcosa di più dei principi armoniosi della filosofia – in un certo senso, rispecchiano la mentalità europea moderna, nell’atto di produrre e trasmettere la conoscenza. Per gli intellettuali del tempo, la visione e creazione di immagini funge sia da strumento filosofico che da metodo d’insegnamento. Sono in gioco due meccanismi particolarmente rilevanti. In primo luogo, artisti, studenti e filosofi, utilizzando lo spazio della pagina per mappare le relazioni teoriche, sviluppano un pensiero spaziale. In secondo luogo, producendo, o anche semplicemente esaminando, le immagini, queste stimolano una forma di pensiero visivo. Sia le ricostruzioni spaziali che le visualizzazioni collaborano infine alla costruzione di un pensiero filosofico veicolato dalla rappresentazione visiva.

L’insegnamento della logica ai tempi di Meurisse si basa principalmente su una raccolta di testi di Aristotele nota come l’Organon e su un testo del terzo secolo di Porfirio, l’Isagoge, che serviva da prefazione all’Organon. Questi trattati insegnano che la logica  è organizzata in tre tipi di operazione mentale: l’apprendimento, il giudizio e il raziocinio (o il ragionamento attraverso sillogismi). Attraverso la prima operazione, l’apprendimento, si riporta alla mente la concezione di un oggetto o di un termine: per esempio, l’apprendimento di concetti come “cane” e “mammifero”. Attraverso la seconda operazione, il giudizio, i concetti semplici vengono combinati o divisi per creare proposizioni (“I cani sono mammiferi”). Con la terza operazione, il raziocinio, la mente organizza queste proposizioni per formare dei sillogismi (“I cani sono mammiferi / Tutti i mammiferi sono animali / I cani sono animali”).

Artificiosa totius logices descriptio, 1614

Per capire come le immagini all’interno di queste incisioni utilizzino lo spazio per organizzare le affinità concettuali, diamo un’occhiata a come è strutturata l’incisione Descriptio di Meurisse e Gaultier. Sezionandola in segmenti orizzontali, si può ben vedere come i livelli si sovrappongono uno sull’altro in successione, dal basso verso l’alto (vedi immagine sopra). Il primo segmento offre informazioni sulla produzione dell’incisione e mostra Meurisse e i suoi allievi, circondati da varie personificazioni di concetti logici – folle di bambini, di uomini e di donne, oltre a un operaio con una gamba sola che porta un cesto (contenente arti umani) – tutti si dirigono verso un giardino recintato.

Dettaglio da Artificiosa totius logices descriptio, 1614.

L’interno di questo giardino, che appare nel secondo segmento, rappresenta il reame della prima operazione della mente (l’apprendimento). La scena è dominata da una fontana centrale, attorno alla quale si vedono dei piatti in cui sgorga dell’acqua. Ai lati di queste vasche si trovano sei gruppi di entità reali, logicamente ben definite, in netto contrasto con quelle poste appena fuori dal giardino, oltre il muro. Così, per esempio, c’è un gruppo di angeli “finiti” all’interno, e, oltre la parete, un’immagine di Dio “infinito” che indossa una tiara e tiene in mano un globo, circondato e sostenuto da una nuvola incandescente. Analogamente, altrove, all’interno si trova un gruppo di esseri umani “completi”, mentre all’esterno si vede una schiera di mani e piedi disincarnati; tre mucche (identificate come “entità reali”) sono all’interno e all’esterno una chimera (contrassegnata come “essere razionale”).

Dettaglio da Artificiosa totius logices descriptio, 1614.

Dettaglio da Artificiosa totius logices descriptio, 1614.

Nel terzo segmento c’è un altro giardino, un po’ meno affollato, che spiega la seconda operazione (il giudizio). Il quarto segmento riguarda le proposizioni organizzate in sillogismi (risultato della terza operazione, il raziocinio). A coronare l’opera, nel quinto segmento, una dedica allo statista e bibliofilo francese Jacques-Auguste de Tou (1553-1617), affiancato a sinistra dallo stemma di de Tou e a destra dalle braccia dei francescani.

Complessivamente, l’incisione permette agli spettatori di comprendere a colpo d’occhio come questa disciplina filosofica sia divisa in parti e come quest’ultime si relazionano tra loro e nel complesso. Le sezioni della stampa non possono essere comprese appieno se prese singolarmente, ma acquistano il loro senso grazie alla collocazione all’interno del sistema spaziale dell’incisione.

Oltre ad affidarsi allo spazio della pagina per mostrare come è organizzato la disciplina della logica, la Descriptio presenta anche commenti visivi che offrono interpretazioni originali dell’antico sistema aristotelico. Piuttosto che limitarsi a ripetere concetti filosofici già esistenti, la forma visiva arricchisce la conoscenza teorica, funzionando come un’esegesi visiva che produce un ulteriore significato. In un dettaglio del terzo segmento, per esempio, troviamo due palme che formano un arco, al cui interno è inscritta una spiegazione riguardo la creazione delle proposizioni. Meurisse ha scolpito nei tronchi il “sostantivo” e il “verbo”, gli elementi centrali di qualsiasi proposizione: ognuno di essi è “un enunciato dal significato convenzionale”.

Dettaglio da Artificiosa totius logices descriptio, 1614.

Perché proprio le palme? Le palme sono dioiche – i loro fiori maschili e femminili crescono su piante separate – e all’epoca si pensava che si riproducessero intrecciandosi con i rami delle palme del sesso opposto. Così, nell’iconografia francese, tra la metà del sedicesimo e la metà del diciottesimo secolo, l’accoppiamento delle palme diviene un simbolo comune per l’amore coniugale e la fertilità. Meurisse e Gaultier disegnano dunque un’analogia tra l’accoppiamento degli alberi e la produzione di proposizioni: adattano l’emblema in modo che venga apprezzato e compreso dagli osservatori dell’incisione. Questo dettaglio mette in luce le varie fonti dei progettisti di tavole filosofiche, ma indica anche la ricchezza dei loro commenti visivi. Mentre un libro di testo dell’epoca definisce semplicemente una proposizione come la somma delle sue parti (un sostantivo e un verbo), questa immagine presenta un’interpretazione molto più complessa, paragonando la proposizione a un’entità organica, generata dall’accoppiamento di due piante.

Anche se le visualizzazioni filosofiche di Meurisse, Chéron e Gaultier godevano all’epoca di una reputazione internazionale, sono state ormai dimenticate, e anche se oggi c’è un grande interesse tra gli storici per le sfide alle ortodossie aristoteliche della “rivoluzione scientifica”, nessuno studio di rilievo si è focalizzato sui documenti visivi che erano parte integrante di questo cambiamento epistemico. È vero che negli ultimi anni dei nuovi  finanziamenti per la ricerca hanno permesso di esplorare gli affreschi, i dipinti ad olio, le stampe e i disegni relativi alle opere di filosofi antiaristotelici come Galileo Galilei e Thomas Hobbes. Ma questi studi considerano solo una parte di un discorso più ampio. L’immagine e la sua produzione, infatti, erano vitali per i movimenti intellettuali della modernità che abbracciarono e svilupparono il pensiero aristotelico, come testimoniano le numerose rappresentazioni visive ritrovate tra i materiali pedagogici e accademici dell’epoca – e non c’è miglior esempio di queste stampe di Meurisse, Chéron e Gaultier.


Susanna Berger è professoressa e assistente di storia dell’arte presso l’Università della California del sud. La sua ricerca esplora diversi aspetti dell’arte e della cultura visiva, dalle illustrazioni del sapere filosofico alle opere centrali nella storia della pittura europea moderna. Il suo primo libro, The Art of Philosophy: Visual Thinking in Europe from the Late Renaissance to the Early Enlightenment,, è stato pubblicato per la Princeton University Press nel marzo 2017. Il saggio qui sopra è tratto e adattato da questo testo.
In copertina: Meurisse e Gaultier, Artificiosa totius logices descriptio
Traduzione italiana di Francesco D’Isa