Alcune caratteristiche della comunicazione contemporanea hanno conseguenze sulla politica e la società. Conseguenze che riguardano le nostre idee e il come queste si formano, si diffondono e si sedimentano. Vittorio Ray intervista Antonio Scala che, col suo gruppo di ricerca, si occupa proprio di questi temi.


In copertina: Sergio Vacchi, Senza titolo (1975) – Asta Pananti del 15 dicembre 2018


di Vittorio Ray

Io leggo più veloce di quanto riesco a scrivere. Penso più veloce di quanto riesco a leggere. Mi innamoro più lentamente di quanto riesco a ingoiare un acino d’uva. Possiamo dire che ogni attività umana avviene in un intervallo temporale caratteristico. Alcuni di questi sono comparabili, altri meno. Imparo una lingua molti ordini di grandezza più lentamente di quanto riesco a piegarmi sulle ginocchia. Assumiamo che, sia per le attività percettive/emotive che per quelle più razionali (entrambe ad un livello “macro”, cioè attività che di cui riusciamo a prendere atto), ci sia un ordine di grandezza oltre il quale non riusciamo ad andare.

In molti casi, le macchine ci riescono. Uno degli esempi più classici a questo proposito è la finanza. Le transazioni ad alta frequenza sono basate su decisioni prese in un decimilionesimo di secondo (in realtà anche un po’ meno). Senza aprire qui enormi finestre sull’automazione del lavoro, la proprietà e la responsabilità degli algoritmi, limitiamoci a rilevare che nell’interfaccia uomo macchina, cioè in quella regione spaziotemporale che c’è tra il mio pollice, il mio occhio e lo schermo del cellulare, si sta aprendo una miniera infinita di valore economico. In particolare, oltre a quelli che già conosciamo bene da decenni, è interessante – e forse ancora poco esplorato – il pozzo della nostra inerzia emotiva.

Chiarisco con un esempio: all’ultimo referendum sul trasporto pubblico a Roma, pur avendo un’impostazione ideologica abbastanza netta, sono stato molto indeciso. Nella settimana del voto ho letto un po’ di articoli dello schieramento avversario. Ogni volta che trovavo un argomento valido, sentivo per qualche ora di aver cambiato idea. Poi l’emozione svaniva, e la ‘razionalità’ della mia ideologia (senza indagare adesso se sia più razionale comportarsi da tabula rasa o appoggiarsi su un gruppo strutturato di idee) tornava in sella. Ebbene, se qualcuno riuscisse a quantificare con buona approssimazione la durata di quella mia volubilità, alle prossime elezioni saprebbe come prendermi: lanciare l’articolo giusto a n ore dalla chiusura delle urne, e probabilmente avrebbe il mio voto.

Molto di questo, com’è noto dal caso Cambridge Analytica, oggi passa attraverso i social network. Forse non tutti sanno che uno dei gruppi di ricerca più importanti al mondo sui fenomeni di aggregazione in rete è italiano. Diretto da Walter Quattrociocchi, il gruppo faceva base al IMT di Lucca (si chiamava Laboratorio di Computational Social Science), e recentemente si è spostato alla Ca’ Foscari Venezia (dove è nato il Laboratorio di Data Science and Complexity). I loro lavori, principalmente incentrati sulle dinamiche di polarizzazione del dibattito politico online, negli ultimi anni sono stati pubblicati sulle riviste scientifiche più autorevoli (PNAS, PlosOne, Scientific Report) e commentate sui grandi portali di informazione, dall’Economist al NYT al Washington Post. Nel 2017, quando l’allarme fake news risuonava da tutte le sirene della città, Laura Boldrini nominò Quattrociocchi a coordinare una task force per studiare il fenomeno. Nel Novembre dello stesso anno fu invitato alla Leopolda del PD. Entrambi i tavoli, forse, sono rimasti un po’ delusi nello scoprire che non c’era nessuna formula magica né tantomeno algoritmica per distinguere il bene dal male, il vero dal falso. E soprattutto, che i bravi scienziati difficilmente si fanno mettere il cappello dagli schieramenti politici.

Particolarmente soddisfatto di questo ‘smarcamento’ è stato Antonio Scala, ricercatore al CNR e coautore insieme a Quattrociocchi di tutte le pubblicazioni citate sopra. Fisico e napoletano di formazione, rappresenta (mi permetto di azzardare) il vertice più posato e riflessivo del team di ricerca. Abbiamo chiacchierato dei loro studi e delle loro implicazioni.


A leggere i giornali, non è sempre chiaro l’oggetto delle vostre indagini: echo chamber, post-truth, polarizzazione. Alcuni probabilmente pensano che vi riunite in laboratorio a decidere cosa è vero e cosa è falso. Ci riassumi il senso degli studi fatti finora, i risultati raggiunti e le implicazioni per la società?

Domanda molto interessante. Mi fa vedere come veniamo percepiti dall’esterno, e conferma alcuni miei timori sulle errate percezioni che il nostro lavoro può generare.

Il nostro è un lavoro di ricerca, ovvero qualcosa in cui in realtà l’oggetto si definisce man mano che lo studio procede. Nel nostro caso, siamo partiti con una domanda di ricerca semplice: cosa succede sui social media (in particolare su Facebook) quando ci sono due narrative contrastanti? Eravamo curiosi di quantificare quella polarizzazione che osservavamo in maniera qualitativa: la prima cosa è stata quindi di definire una metrica (una misura) della polarizzazione e misurarla in base ai dati pubblici dei social network. Ovviamente questo è stato possibile in quanto FB forniva delle API (interfacce) per fare queste misure. Nel nostro case study classico, individuavamo due posizioni contrastanti, e la polarizzazione era un numero che andava da -1 a 1, nel caso gli utenti fossero concentrati su una o sull’altra. Il problema è che la polarizzazione osservata era assolutamente fuori scala rispetto alle nostre aspettative: mentre ci aspettavamo di avere molti utenti “neutri” con valori di polarizzazione intorno allo zero, osservavamo una stupefacente concentrazione intorno ai valori estremi -1 e 1. Analizzando i flussi di like e di commenti, ci siamo accorti che questi due gruppi non comunicavano fra di loro. Inoltre, quando abbiamo provato a vedere se c’erano differenze di comportamento online dei due gruppi, non ne abbiamo trovata nessuna. Ovviamente parliamo di cose che possiamo misurare: numero di post, tempo trascorso online, cioè niente che abbia a che fare con contenuti o significati.

Riassumendo i risultati in due punti: 1) di fronte ad argomenti polarizzanti, sui social media le persone interessate si dividono in gruppi autoreferenziali, separati e non comunicanti; 2) i comportamenti online dei due gruppi sono indistinguibili.
L’ultimo punto è particolarmente interessante: permette di avanzare l’ipotesi che alla fine i processi che portano le persone a condividere, fruire ed interagire con le informazioni sono simili, sia che si tratti di persone che credono nell’esistenza dei lupi mannari, sia che si tratti di colti razionalisti.
Il punto uno è quello accademicamente importante, in quanto dimostra in maniera quantitativa l’esistenza delle echo chambers, risolvendo una diatriba della sociologia. Inoltre è mediaticamente importante, in quanto il paladino delle echo chambers era un tale Cass Sunstein, ex advisor di Obama alla Casa Bianca. La struttura delle echo chambers fa pensare che i meccanismi base che le generano siano i nostri bias cognitivi, ed in particolare il bias di conferma.

Per quanto riguarda la post-verità, è una buzzword che in qualche modo ci si è attaccata addosso ma che per noi ha poco senso. Sia io che Walter abbiamo una forte formazione in theoretical computer science, per cui il concetto di verità per noi è di base non calcolabile e non definibile in maniera matematicamente rigorosa (vedi teorema di Tarski).

Sappiamo che i ceteris non sono mai paribus, ma se facciamo l’esercizio mentale di togliere dalla realtà i social network, gli hacker russi e le fake news, in che situazione credi ci troveremmo? Brexit e Trump sarebbero successi lo stesso?

Premessa: su queste questioni il mio parere rischia di essere fortemente limitato dalla mia conoscenza parziale del settore. Una cosa è analizzare centinaia di milioni di dati con strumenti quantitativi, un’altra è farsi un’idea sulle dinamiche che guidano i loro flussi, esogene o endogene che esse siano. Ovviamente tendo a pensare che i social network abbiano permesso questi interessantissimi cambiamenti, ma potrebbe trattarsi di entusiasmo da parte mia rispetto al nuovo campo di studio. Per quanto riguarda gli hacker russi, mi sembrano un comodo capro espiatorio per sentirsi meno sciocchi e attribuire ad altri quelle che sono le nostre colpe. Infine, le “fake news” sone esse stesse una “fake news”: la manipolazione della realtà tramite l’informazione è vecchia come il mondo, va dalla politica al corteggiamento, ho l’impressione che anche qui il termine “fake news” venga usato per delegittimare le nuovi sorgenti di informazione. Insomma, mi sembra la rabbia di chi prima aveva il monopolio delle fake news.

Cosa è cambiato, se è cambiato qualcosa, nel rapporto tra potere e verità, cioè nel modo in cui gruppi di potere gestiscono la propaganda?

Non penso sia cambiato niente. Piuttosto mi pare che i gruppi di potere tradizionali siano rimasti spiazzati dal modo in cui si fa propaganda sui nuovi media, il che forse sta permettendo l’emergere di nuovi gruppi di potere. Penso sia solo questione di tempo prima che si adattino tutti alla novità; certo, nel frattempo potrebbe esserci qualche cambio di guardia, che non è detto sia cosa malvagia a priori.

Ad un livello più generale della trasmissione delle informazioni, sembrerebbe che siano venute a mancare le vasche di sedimentazione che esistevano nel mondo analogico. Per far passare una bufala, c’era bisogno di convincere (nei vari modi possibili) molti ingranaggi del meccanismo. Oggi “pubblicare”, cioè rendere pubblica un’informazione, è invece un processo che non ha bisogno di nessuna mediazione. È pensabile/auspicabile una misura per arginare questo fenomeno, apparentemente incontrollabile?

Mi spaventa molto l’idea di avere delle misure correttive di tipo normativo che vogliano arginare i flussi di informazione: non vedo come si possa evitare che diventino potenti strumenti censori. Personalmente sono curioso di vedere come evolverà la nostra società per assorbire questo cambiamento. Più che il libero mercato delle idee, mi preoccupano i monopoli: in particolare, le company che detengono le infrastrutture hanno un potere spropositato su scala mondiale, e mi pare che al momento nessuno stato singolo o confederazione possa intervenire concretamente. La cosa affascinante è la pressione evolutiva che pongono i nuovi media informativi: si accede ad uno spazio non euclideo, dove il tempo e lo spazio sono contratti ed il concetto di direzione perde senso in quanto le informazioni non sono più costrette nello schema lineare del testo scritto su cartaceo ma sono arricchite da link, hanno strutture di rete complessa. Raramente si pubblica un pezzo: in genere si pubblica un’esca, qualcosa che trascina via in un vortice di informazioni sempre più distanti e difformi da quella iniziale. Ma la cosa più grave è la velocità: la nostra democrazia, basandosi sulla rappresentatività, permetteva tempi lunghi di riflessione nel prendere decisioni. La possibilità di una democrazia diretta invece accorcia i tempi delle decisioni ed esalta i meccanismi automatici di decision making, cioè quelli basati sui bias cognitivi: insomma ci rende estremamente vulnerabili alla manipolazione.

Collage di opere generate da un’intelligenza artificiale

La manía odierna per la post truth, non è forse un grido di rabbia dell’uomo che ha finalmente capito (su larga scala) che i suoi mezzi intellettivi sono limitati, e non avrà mai accesso alla realtà nuda e cruda?

Più che i limiti, quello che spaventa e fa rabbia penso siano le aspettative disilluse: dopo aver buttato via la religione e averla sostituita con la scienza (la seconda mostrava di essere una più fervida “produttrice” di miracoli), quest’ultima viene a dirci che non si possono azzerare i rischi e risolvere i problemi del mondo… bella fregatura, niente vita eterna e una vita terrena squallida.

Da decenni va sempre più di moda la complessità: teorie, centri, dipartimenti. Ci dai una tua definizione di complessità?

Ti potrebbe interessare: Questo meme è un segno che stiamo cambiando il modo di pensare

Una buzzword che serve ad impressionare gli astanti e a giustificare il finanziamento di progetti ed attività. Allo stesso tempo, è una parola-contenitore che permette di intraprendere attività di ricerca che esulano dai tradizionali schemi accademici. È un tentativo di non linearizzare sempre il problema, di evitare il riduzionismo, di accettare che i problemi non sono solubili o insolubili ma descrivibili con vari gradi di approssimazione. Un memento ad accettare non solo il caso ma anche la presenza di contraddizioni intrinseche ed inevitabili nelle nostre istituzioni: basti pensare al teorema di Arrow sull’impossibilità di un sistema elettorale perfetto (in realtà, l’impossibilità di averne persino uno ragionevole). E poi, per me in quanto fisico statistico, la complessità è legata alle transizioni di fasi, agli stupefacenti comportamenti collettivi che emergono dall’interazione di semplici mattoni come atomi, molecole o persone.

Secondo te l’uomo è veramente capace di pensare in termini complessi? Alla fine dei conti, la storia della scienza e della conoscenza non è sempre frutto di una serie di linearizzazioni?

Spero di sì. E trovo difficoltà a pensare al teorema di Godel come a una linearizzazione. E poi: è veramente necessario che sia l’uomo singolo a superare la barriera della complessità? Magari ci riusciamo come gruppo, come società, come connubio uomo-macchina… lasciami sognare un futuro che mi stupisca.


Far smettere di sognare Scala è difficile, per quel tasso di lirismo nel sangue sotto cui certi napoletani non riescono a scendere. Però possiamo far sognare meno i lettori, bilanciando questo slancio di ottimismo con un estratto di un libro che uscirà l’anno prossimo negli Stati Uniti. Il titolo, a meno di cambiamenti, sarà Reality Blindness and the Bottlenecks. L’hanno scritto N.J. Hagens e D.J. White, esperti di energia e sistemi ambientali. C’è un filo che lega le sfide ecologiche, il confirmation bias e le echo chamber: il nostro essere limitati, molto semplici e desiderosi di calore, tanto umano quanto entropico.

A lezione ci riferiamo spesso a quella forma aggregata di società umane che chiamiamo ‘superorganismo’. Pensare a 7,5 miliardi di persone come se stessero in un alveare implica due cose: 1) ci comportiamo generalmente come una struttura dissipativa, e 2) problemi complessi possono essere compresi solo nella testa dei singoli, non dalla società in quanto tale. Questa ‘ameba’ metaforica, che caratterizza il basso grado di complessità comportamentale che emerge su larga scala – miliardi di esseri umani che inseguono il profitto personale -, non è in grado di comprendere fenomeni complessi. Da ciò segue qualche altro punto:

– È diffusa la credenza che ci sia qualche saggia entità che guida le sorti dell’umanità, sia questa un gruppo di uomini qualsiasi oppure un ente immaginario, come “Wall Street”, “gli Scienziati”, “gli Dei”, “la mano invisibile del mercato”, o “madre natura”. È naturale sospettare che ci siano società segrete che governano il mondo; è un effetto collaterale della fallacia definita “someone is driving the bus”. Ci sono molti gruppi frammentati, che cercano di massimizzare il loro interesse, ma questo è tutto ciò che stanno facendo. Non c’è nessuno al timone, e quelli che lo sanno meglio sono proprio quelli che si trovano ai posti “più alti”.

– L’intelligenza di singoli individui non frena l’emergere di seri e prevedibili problemi, né rende possibile affrontarli in maniera razionale, perché, ad una scala più grande di quella individuale o di piccoli gruppi, i problemi complessi non possono essere affrontati in modo adeguato.

– Questo crea una sorta di “stupidità emergente” dei gruppi di persone rispetto ai singoli, per cui la massima complessità di ciò che potrebbe essere analizzato decresce rapidamente all’aumentare della grandezza del gruppo.

– Potenzialmente, la struttura organizzativa più efficace è una dittatura, a causa dell’elevata complessità che in linea di principio può essere modellata da un singolo cervello; ma una tale struttura amplificherebbe anche gli effetti delle spinte naturali, i pregiudizi e le fallacie esistenti all’interno di quel cervello. […]

– Le singole menti sono la cosa più intelligente che c’è in circolazione.


Vittorio Ray è nato a Roma. Giornalista freelance, si interessa soprattutto di cultura e società.