Continuano le Recensioni brevissime di libri difficili. In questo episodio un po’ di postmoderno e un po’ di alchimia.

> Nelle puntate precedenti

imgresIl mondo nuovo, di Aldous Huxley

Capitalismo + fantascienza + ’60 = Il mondo nuovo. L’impressione è che l’autore descriva un mondo che ama e che odia contemporaneamente.
Trama: La gente è obbligata a essere felice.
Voto: ●●●○○

 

url-1Vizio di forma, di Thomas Pynchon.

Ennesima chance a Pynchon. Ho visto due terzi del film e letto dieci pagine: nulla. Mi sembra noioso, scritto male e inutilmente confuso. Perdonatemi fan di Pynchon.
Trama: Doc Sportello ha un caso da risolvere.
Voto: ●●○○○

imagesTaccuino di un vecchio porco, di Charles Bukowski.

Puoi amare od odiare il suo stile, ma in molti lo hanno imitato senza successo. Bukowski è l’unico genuino se stesso.
Trama: È davvero un vecchio porco.
Voto: ●●●●○

 

urlLa vita quotidiana degli alchimisti nel medioevo, di Serge Hutin.

La vita di un alchimista descritta dall’esterno. Scienziati, filosofi, mistici e pazzoidi, spesso bruciati vivi.
Trama: La vita degli alchimisti.
Voto: ●●●○○

 

operaalneroL’opera al nero, di Marguerite Yourcenar.

La vita di un alchimista, vista dall’interno. Scienziato, filosofo, mistico e pazzoide, ovviamente bruciato vivo. Nonostante tutto noioso.
Trama: La vita di un alchimista.
Voto: ●●○○○


VOTI

●○○○○ La vita è troppo breve per leggerlo.
●●○○○ Da leggere se hai letto gli altri.
●●●○○ Leggilo.
●●●●○ Leggilo presto.
●●●●● Leggilo subito.

di Francesco D’Isa