aeon

Da George Washington a Orazio fino a Tommaso d’Aquino: elogio della più rara delle virtù.

Il rapporto tra pensiero e solitudine è inscindibile: pensare è l’unica premessa possibile per stare con gli altri.

28/07/2017

La fantascienza musulmana

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 1

La città virtuosa di Al-Farabi, la fantascienza femminista di Rokeya Sakhawat Hussain, fino al recente debutto letterario di Ibraheem Abbas Yasser Bahjatt, con HWJN: scoprire la fantascienza musulmana.

La disuguaglianza economica, unita alla pratica di onorare i desideri dei morti, potrebbe favorire le preferenze di un’aristocrazia del passato, piuttosto che quelle della maggior parte dei viventi.

Perchè le “medicine” sì e le “droghe” no, se spesso sarebbero più adatte le seconde?

Si chiama “effetto Mandela”, e viene spiegato con la nostra suggestionabilità, i meccanismi neuronali e, addirittura con la fisica quantistica.

Quando si è incompetenti, non solo si raggiungono conclusioni sbagliate, ma si è anche privati della possibilità di riconoscere i propri errori.

L’idea che solo chi appartiene a un gruppo etnico può valutarne la storia sta creando barriere razziali di cui dovremmo diffidare.

Secondo l’antica filosofia africana Ubuntu, le persone nascono senza identità e ne acquisiscono una attraverso gli altri.

Le macchine potranno avere idee migliori di noi grazie al metodo baconiano e sostituirci nella ricerca scientifica?