fantascienza
17/11/2017

Retrospettiva Yamato

Scritto da Pubblicato in Arte, Fumetto Commenti 0

Il linguaggio mitologico dei personaggi di Matsumoto, il creatore del celebre Capitan Harlock.

Antoine Volodine, una delle figure più interessanti della letteratura europea, risponde alle nostre domande sul “post-esotismo”, un’avanguardia fittizia di cui si dichiara uno degli esponenti nonostante ne sia l’unico inventore.

09/10/2017

Umanità sotto attacco

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 2

AlphaGo ha conquistato l’ultima scacchiera; la fantascienza ci aveva avvertito.

28/07/2017

La fantascienza musulmana

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 1

La città virtuosa di Al-Farabi, la fantascienza femminista di Rokeya Sakhawat Hussain, fino al recente debutto letterario di Ibraheem Abbas Yasser Bahjatt, con HWJN: scoprire la fantascienza musulmana.

I super robot dell’animazione giapponese combattono contro il passato o contro la tecnologia?

Immaginiamo gli alieni come degli esseri simili a noi, ma è un errore dovuto all’influenza della fantascienza

14/11/2016

Reincantare lo spazio

Scritto da Pubblicato in Arte, Articoli Commenti 1

Dopo la conquista dello spazio reale, con la realtà aumentata è iniziata la colonizzazione dello spazio immaginario?

Un libro gratis, selezionato tra i più strani a disposizione nella rete e introdotto da un brano illustrato. Oggi c’è I ciechi e le stelle, primo e unico libro di narrativa pubblicato da Giorgio Cicogna (1899-1932), pioniere della fantascienza e scienziato egli stesso, morto a soli 33 anni, il 3 agosto 1932, durante un esperimento per la costruzione di un motore a reazione per il volo oltre la stratosfera.

Recentemente il polo museale Tate ha conferito l’IK Prize 2016, un riconoscimento che celebra la creatività nel mondo digitale, al progetto basato sull’intelligenza artificiale ‘Recognition’, realizzato da una squadra di Fabrica, il centro di ricerca di Benetton Group. Per saperne di più, l’Indiscreto ha intervistato i vincitori del premio, Angelo Semeraro, Coralie Gourguechon e Monica Lanaro.

I robot «sono già qui», si scrive giustamente su PRISMO, e sebbene siano più stupidi di chi li ha creati, comunque “pensano” sempre meglio. Ma una volta che saranno diventati più intelligenti di noi, cosa penseranno?