filosofia
22/01/2018

Chi vuole vivere per sempre?

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 4

L’immortalità attraverso i miti, la Bibbia, l’epopea di Gilgamesh, Il Signore degli Anelli e Dragon Ball.

19/01/2018

La cultura è inafferrabile?

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 0

È una parola di cui spesso si abusa, ma nessuno ne conosce abbastanza i significati sottesi e plurali: ci riempiamo la bocca di cultura, a seconda delle necessità retoriche, non riconoscendone la complessità e l’importanza.

05/01/2018

L’arte della filosofia

Scritto da Pubblicato in Arte, Articoli Commenti 0

Con il loro elaborato gioco tra testo e immagini, le incisioni progettate dal frate francese Martin Meurisse per veicolare il pensiero aristotelico sono senz’altro di grande effetto. Susanna Berger esplora la funzione di queste opere, mostrando come tali commentari visivi siano serviti non solo per esprimere idee filosofiche in modo nuovo, ma anche per generare un modo di pensare unico nel suo genere.

Persino una saggezza così antica e condivisa può essere messa in dubbio.

Nel 1884 Edwin Abbott Abbott pubblicò Flatland: Racconto fantastico a più dimensioni, il primo libro che potrebbe essere descritto come  “narrativa matematica”. Ian Stewart, autore di Flatterland e The Annotated Flatland, racconta la strana storia delle avventure geometriche di A. Square.

Rifiutare le opere di artisti immorali? Attribuire l’etica dell’autore alle sue opere? Boicottare artisti morti? Sono solo alcune delle domande che ci poniamo, ma che spesso hanno poco fondamento.

27/11/2017

Il prisma meta-ironico

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 2

Se l’ironia è rivoluzionaria, la meta-ironia può essere solo reazionaria e nichilista?

24/11/2017

Antologia del Fake

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 2

In un mondo pieno di falsi, è bene cercare di capirci qualcosa. Una breve storia del falso letterario, di Erik Boni.

20/11/2017

A favore di chi odia

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 0

L’odio è dappertutto e vorremmo liberarcene, ma se invece ci sforzassimo di trovarne gli aspetti positivi?

Diciamolo senza mezze misure: l’uomo è il più cattivo degli animali. Ma lo è per natura o per cultura?