Firenze
26/11/2017

Caffè scorretti

Scritto da Pubblicato in in libreria Commenti 2

Un storia dei caffè artistici e letterari di Firenze, attraverso le testimonianze di chi li frequentava.

Dagli archivi delle Edizioni Pananti: Una delle ultime lettere di Don Milani e un ricordo dal diario di P. Balducci.

Dagli archivi delle Edizioni Pananti: l’artista Ottone Rosai ci racconta della morte del padre.

Perché una delle più celebri piazze di Firenze andrebbe visitata di notte?

Nell’illustrare la Divina Commedia, Venturino Venturi riesce dove in molti hanno fallito, compreso Dante: crea un Paradiso più bello dell’Inferno.

Scoprire cosa cambia e cosa rimane identico nell’arco dei secoli è stupefacente e istruttivo, perché aiuta a distinguere le tendenze innate dalle mode passeggere. A tale proposito lo strano caso di Antonio di Giovanni Rinaldeschi, avvenuto nel 1501 a Firenze, è senza dubbio esemplare.

Lunedì 23 novembre, la leggenda vivente del Jazz – Keith Jarrett – sei anni dopo il suo ultimo concerto al Comunale, è tornato a esibirsi a Firenze, stavolta presso lo splendido nuovo Teatro dell’Opera. A testimonianza dell’eccitazione che circondava l’evento, tutti i biglietti erano già andati esauriti da mesi. Sulla sua fama musicale e sul suo genio indiscusso, niente da dire. Ma J. è noto anche per le sue nevrosi

Leggi Articolo

Questo brano è tratto da “Forse non tutti sanno che a Firenze…”, di Francesco D’Isa e Matteo Salimbeni. Si ringrazia Newton Compton per la gentile concessione.