letteratura

Sei interventi sul concetto di “Novo Sconcertante Italico”. Un nuovo genere letterario o una moda passeggera?

Tra pallidi Cavalieri e vecchi marinai continua Faerie, la storia del fantasy di Edoardo Rialti. In copertina: un’opera di Ivan Bilibin.

Ci sono immagini e storie che attraversano i secoli, le culture e le generazioni. L’antica fiaba del Toro nero di Norvegia ricorre nell’opera di tre autori: Carducci, Tolkien e Simone Weil.

Nel cortile dell’asino dell’Orsi si nascondono incubi per tutte le età. Un racconto di Ilaria Giannini.

“L’aerofobia assale in momenti di particolare stress lavorativo e sentimentale e ci sarebbe una stretta relazione simbolica tra corpo e casa: i corridoi una parte di intestino. Le tegole sconnesse, un cervello capace di azioni impensate e crudeli”. Un racconto di Gabriele Merlini.

06/08/2018

Cospirazione

Scritto da Pubblicato in Racconti brevissimi Commenti 0

La logica dei trasporti urbani ci permette di barare sulle reali distanze della città, con tentacoli che si spingono sottoterra ignorando gli ostacoli della mappa: è un inganno che accettiamo volentieri, e finiamo a vivere in un mondo virtuale coi suoi capricci e i suoi cliché, ma per il tempo che guadagniamo ci dev’essere un prezzo da pagare. (Terzo classificato del concorso letterario Urbanità Tentacolare)

03/08/2018

Botole

Scritto da Pubblicato in Racconti brevissimi Commenti 0

Parte di un lavoro più ampio, “Botole” racconta di un possibile presente in cui, crollate le strutture politiche, la città sopravvive come uno spazio in cui la società si riarticola geograficamente. È la storia di cosa sopravvive ai margini, di un fallimento, di una grande menzogna. (Secondo classificato del concorso letterario Urbanità Tentacolare)

L’emozione che suscitano le letture dell’infanzia precede qualunque posizione ideologica, politica e culturale dell’età adulta. Occorre una grande onestà intellettuale per cogliere, invece, una possibile dissonanza tra ciò che già si ama e ciò che si è giunti a credere.

Una volta Elio Vittorini chiese a Eugenio Montale di tradurre F.S. Fitzgerald: era la prima volta che in Italia veniva tradotto un suo racconto, dopo l’esordio fallimentare con Il Grande Gatsby. Ma a leggere bene le parole con cui Vittorini lo accoglieva nell’antologia Americana, sembra che per la critica italiana quel fallimento non sia mai finito.

20/05/2018

Cometa

Scritto da Pubblicato in in libreria, Racconti brevissimi Commenti 0

Un estratto dal romanzo “Cometa”, di Gregorio Magini (Neo Edizioni): nello specifico, un brano che parla di un’opera d’arte molto particolare.