matematica
17/07/2017

Il caso funziona a caso?

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 1

Leggi della fisica che mutano nel tempo, indeterminatezza quantistica e molto altro: il caso potrebbe dominare le nostre vite più del previsto. Ma è possibile un caso ancor più casuale?

Cosa unisce le geometrie non euclidee, l’olocausto, la matematica e i paradossi?

Perché in arte e in natura ci sono delle forme che ci fanno star bene?

07/11/2016

L’intelligenza delle donne

Scritto da Pubblicato in Articoli Commenti 3

Una domanda scomoda che ha spesso ricevuto risposte ingiuste o errate: ci sono diversità tra l’intelligenza maschile e femminile?

Cose belle da leggere è una breve rassegna di articoli difficili, interessanti, strani o tutte e tre le cose usciti ultimamente. Selezionati da Francesco D’Isa.

Il fondamentalismo religioso è indubbiamente uno dei temi più caldi nel mondo occidentale. È intimamente connesso all’emergenza sociopolitica dei migranti, solleva dibattiti legati al controllo statale e alla libertà del cittadino, si lega allo spettro inconscio del rifiuto della diversità.

Per apprezzare un paradosso ci si deve entrare, o meglio, cascare. Dato che il nostro gioco mentale implica la presenza di un tempio, è possibile giocare un po’ con l’immaginazione.

Non mi piace fare testa o croce per prendere una decisione; nonostante questo a volte lo faccio, ma non guardo il risultato, perché nel momento in cui lancio la moneta capisco sempre cosa voglio.

Cose belle da leggere è una breve rassegna di articoli difficili, interessanti, strani o tutte e tre le cose usciti durante la settimana. Selezionati da Francesco D’Isa.

Questo signore con un faccione da gatto e una croce ortodossa al collo è Pavel Aleksandrovič Florenskij, filosofo, logico-matematico, scienziato, storico dell’arte, filologo, inventore e presbitero russo, nato nel 1882 a Yevlax, una piccola cittadina dell’Azerbaigian, e morto nel 1937 a S. Pietroburgo quando ancora si chiamava Leningrado. In Russia all’inizio lo adorano, tanto da soprannominarlo il Leonardo da Vinci Russo, ma dopo la rivoluzione di ottobre Pavel instilla un dubbio

Leggi Articolo