Come le formiche: Purgatorio XXVI

Il commento di oggi, per mano di Ilide Carmignani, è al canto ventiseiesimo del Purgatorio. Questo articolo è parte del nostro progetto “CCC”, il Commento Collettivo alla Commedia, in cui tutti e cento i canti dell’opera dantesca vengono ripresi da altrettante firme contemporanee.


IN COPERTINA un’opera di concetto pozzati, oggi all’asta da pananti casa d’aste.

di Ilide Carmignani


Con il contributo di  


 

“Lì veggio d’ogne parte farsi presta 
ciascun’ombra e basciarsi una con una 
sanza restar, contente a brieve festa;  

così per entro loro schiera bruna 
s’ammusa l’una con l’altra formica, 
forse a spiar lor via e lor fortuna.

Se vogliamo considerare il viaggio dantesco come metafora di ogni vita umana e cioè come un cammino di formazione che va dalla caduta al riscatto, dal buio di un momento di smarrimento individuale alla luce dell’amore universale, il XXVI canto del Purgatorio ci mostra le trappole che tende la lussuria.

È il 29 marzo 1300 (o forse il 12 aprile, comunque primavera) e Dante si inerpica dietro Virgilio e Stazio, massimi poeti epici latini, sulla settima balza della montagna che accoglie il Purgatorio. La parete rocciosa dell’ultima cornice è coperta di fiamme che invadono il sentiero e i tre avanzano in fila indiana sul ciglio ripidissimo. Dante si tiene un passo indietro in segno di reverenza verso le sue guide e benché Virgilio lo esorti a guardare dove mette i piedi, continua a fissare le schiere di anime che passano nel fuoco: i lussuriosi. 

In mezzo alla torma, Dante scorge i suoi maestri: Guido Guinizzelli, padre del Dolce stil novo, e Arnaut Daniel, “il miglior fabbro” della tradizione volgare. Non manca, lodando questi, di criticarne altri, Guittone d’Arezzo e Giraut de Bornelh, con la consueta foga classificatoria. L’ammirazione per Guido è sincera e affettuosa, come quella per Arnaut, cui mette in bocca sei terzine in perfetto provenzale, segno di quanto il fiorentino avesse frequentato quella scuola e se ne sentisse debitore. Arnaut piange e canta con grande dolcezza utilizzando le parole chiave dei trovatori, che però qui, in prospettiva religiosa, assumono tutt’altro senso: la joi è adesso la felicità celeste. 

Dante comprende allora che la poesia d’amore laica, pur avendo mirabilmente sublimato il desiderio fisico, ha distolto i due maestri dall’amore divino e ha indotto a peccare i loro lettori, come Paolo e Francesca dannati per sempre all’inferno, e quell’ardere senza corpo è la punizione che un giorno potrebbe lui stesso subire. Il suo turbamento è doppiamente forte perché non è solo verseggiando che ha peccato. Malgrado la vulgata scolastica ci mostri un Dante devoto a donne angelo oneste e gentili, a cui il suo cuore s’apprendeva ratto ma che i suoi occhi non ardivan di guardare, il Trattatello di Boccaccio ce lo dipinge in modo assai diverso: nel mirifico poeta, «tra cotanta virtù e cotanta scienza», trovava «ampissimo luogo la lussuria, e non solamente ne’ giovani anni, ma ancora ne’ maturi». E a questo punto non si può far a meno di chiedersi maliziosamente a quali lascivie si fosse mai abbandonato il nostro sommo poeta per farsi ritrarre così non da qualche trovatore che amava le donne da lontano, ma da colui che ha dato origine all’aggettivo “boccaccesco”.  

Non fa differenza in che modo si è peccato di lussuria, secondo natura o contro natura: tutti i penitenti hanno investito malamente il proprio amore e adesso, senza più corpo, bruciano tra le fiamme tentando invano di abbracciarsi e baciarsi, frenetici come «s’ammusa l’una con l’altra formica». E questa pena a cui Dante condanna i lussuriosi mi sembra davvero un bel ritratto di come – anche senza scendere in Purgatorio – il vivere se stessi solo come corpo, e parallelamente vivere l’altro solo come corpo, finisca in qualche modo proprio col privarci del piacere del corpo – proprio e altrui – e col ridurre i gesti dell’incontro erotico a una sorta di tic nevrotico animalesco, esacerbato da un desiderio impossibile da placare, perché la lussuria nel suo eccesso resta parziale. Solo la completezza placa, questo c’insegna Dante nel XXVI canto del Purgatorio, solo l’incontro col tutto, con quell’amore che move il sole e l’altre stelle

“Dal dizionario delle idee ricevute”, di Concetto Pozzati. Oggi all’asta da Pananti Casa d’Aste.

Il canto, integrale

Canto XXVI, dove tratta di quello medesimo girone e del purgamento de’ predetti peccati e vizi lussuriosi; dove nomina messer Guido Guinizzelli da Bologna e molti altri.

Mentre che sì per l’orlo, uno innanzi altro,
ce n’andavamo, e spesso il buon maestro
diceami: “Guarda: giovi ch’io ti scaltro”;

feriami il sole in su l’omero destro,
che già, raggiando, tutto l’occidente
mutava in bianco aspetto di cilestro;

e io facea con l’ombra più rovente
parer la fiamma; e pur a tanto indizio
vidi molt’ombre, andando, poner mente.

Questa fu la cagion che diede inizio
loro a parlar di me; e cominciarsi
a dir: “Colui non par corpo fittizio”;

poi verso me, quanto potëan farsi,
certi si fero, sempre con riguardo
di non uscir dove non fosser arsi.

“O tu che vai, non per esser più tardo,
ma forse reverente, a li altri dopo,
rispondi a me che ’n sete e ’n foco ardo.

Né solo a me la tua risposta è uopo;
ché tutti questi n’ hanno maggior sete
che d’acqua fredda Indo o Etïopo.

Dinne com’è che fai di te parete
al sol, pur come tu non fossi ancora
di morte intrato dentro da la rete”.

Sì mi parlava un d’essi; e io mi fora
già manifesto, s’io non fossi atteso
ad altra novità ch’apparve allora;

ché per lo mezzo del cammino acceso
venne gente col viso incontro a questa,
la qual mi fece a rimirar sospeso.

Lì veggio d’ogne parte farsi presta
ciascun’ombra e basciarsi una con una
sanza restar, contente a brieve festa;

così per entro loro schiera bruna
s’ammusa l’una con l’altra formica,
forse a spïar lor via e lor fortuna.

Tosto che parton l’accoglienza amica,
prima che ’l primo passo lì trascorra,
sopragridar ciascuna s’affatica:

la nova gente: “Soddoma e Gomorra”;
e l’altra: “Ne la vacca entra Pasife,
perché ‘l torello a sua lussuria corra”.

Poi, come grue ch’a le montagne Rife
volasser parte, e parte inver’ l’arene,
queste del gel, quelle del sole schife,

l’una gente sen va, l’altra sen vene;
e tornan, lagrimando, a’ primi canti
e al gridar che più lor si convene;

e raccostansi a me, come davanti,
essi medesmi che m’avean pregato,
attenti ad ascoltar ne’ lor sembianti.

Io, che due volte avea visto lor grato,
incominciai: “O anime sicure
d’aver, quando che sia, di pace stato,

non son rimase acerbe né mature
le membra mie di là, ma son qui meco
col sangue suo e con le sue giunture.

Quinci sù vo per non esser più cieco;
donna è di sopra che m’acquista grazia,
per che ’l mortal per vostro mondo reco.

Ma se la vostra maggior voglia sazia
tosto divegna, sì che ’l ciel v’alberghi
ch’è pien d’amore e più ampio si spazia,

ditemi, acciò ch’ancor carte ne verghi,
chi siete voi, e chi è quella turba
che se ne va di retro a’ vostri terghi”.

Non altrimenti stupido si turba
lo montanaro, e rimirando ammuta,
quando rozzo e salvatico s’inurba,

che ciascun’ombra fece in sua paruta;
ma poi che furon di stupore scarche,
lo qual ne li alti cuor tosto s’attuta,

“Beato te, che de le nostre marche”,
ricominciò colei che pria m’inchiese,
“per morir meglio, esperïenza imbarche!

La gente che non vien con noi, offese
di ciò per che già Cesar, trïunfando,
“Regina” contra sé chiamar s’intese:

però si parton “Soddoma” gridando,
rimproverando a sé com’ hai udito,
e aiutan l’arsura vergognando.

Nostro peccato fu ermafrodito;
ma perché non servammo umana legge,
seguendo come bestie l’appetito,

in obbrobrio di noi, per noi si legge,
quando partinci, il nome di colei
che s’imbestiò ne le ’mbestiate schegge.

Or sai nostri atti e di che fummo rei:
se forse a nome vuo’ saper chi semo,
tempo non è di dire, e non saprei.

Farotti ben di me volere scemo:
son Guido Guinizzelli, e già mi purgo
per ben dolermi prima ch’a lo stremo”.

Quali ne la tristizia di Ligurgo
si fer due figli a riveder la madre,
tal mi fec’io, ma non a tanto insurgo,

quand’io odo nomar sé stesso il padre
mio e de li altri miei miglior che mai
rime d’amor usar dolci e leggiadre,

e sanza udire e dir pensoso andai
lunga fïata rimirando lui,
né, per lo foco, in là più m’appressai.

Poi che di riguardar pasciuto fui,
tutto m’offersi pronto al suo servigio
con l’affermar che fa credere altrui.

Ed elli a me: “Tu lasci tal vestigio,
per quel ch’i’ odo, in me, e tanto chiaro,
che Letè nol può tòrre né far bigio.

Ma se le tue parole or ver giuraro,
dimmi che è cagion per che dimostri
nel dire e nel guardar d’avermi caro”.

E io a lui: “Li dolci detti vostri,
che, quanto durerà l’uso moderno,
faranno cari ancora i loro incostri”.

“O frate”, disse, “questi ch’io ti cerno
col dito”, e additò un spirto innanzi,
“fu miglior fabbro del parlar materno.

Versi d’amore e prose di romanzi
soverchiò tutti; e lascia dir li stolti
che quel di Lemosì credon ch’avanzi.

A voce più ch’al ver drizzan li volti,
e così ferman sua oppinïone
prima ch’arte o ragion per lor s’ascolti.

Così fer molti antichi di Guittone,
di grido in grido pur lui dando pregio,
fin che l’ ha vinto il ver con più persone.

Or se tu hai sì ampio privilegio,
che licito ti sia l’andare al chiostro
nel quale è Cristo abate del collegio,

falli per me un dir d’un paternostro,
quanto bisogna a noi di questo mondo,
dove poter peccar non è più nostro”.

Poi, forse per dar luogo altrui secondo
che presso avea, disparve per lo foco,
come per l’acqua il pesce andando al fondo.

Io mi fei al mostrato innanzi un poco,
e dissi ch’al suo nome il mio disire
apparecchiava grazïoso loco.

El cominciò liberamente a dire:
“Tan m’abellis vostre cortes deman,
qu’ ieu no me puesc ni voill a vos cobrire.

Ieu sui Arnaut, que plor e vau cantan;
consiros vei la passada folor,
e vei jausen lo joi qu’ esper, denan.

Ara vos prec, per aquella valor
que vos guida al som de l’escalina,
sovenha vos a temps de ma dolor!”.

Poi s’ascose nel foco che li affina.


Il prossimo canto verrà commentato da Dario Valentini.

A questo link si leggono i commenti a tutti i canti dell’Inferno.


Ilide Carmignani, traduttrice di Borges, Sepulveda, Cortazar, Grandes, Neruda, ha collaborato con Nazione Indiana, Il Manifesto e Linea d’Ombra. Tra le sue traduzioni ricordiamo 2666 e Detective Selvaggi di Roberto Bolaño (Adelphi), Cent’anni di solitudine di Gabriel Garcia Márquez (Mondadori),

Ti è piaciuto questo articolo? Da oggi puoi aiutare L’Indiscreto a crescere e continuare a pubblicare approfondimenti, saggi e articoli di qualità: invia una donazione, anche simbolica, alla nostra redazione. Clicca qua sotto (con Paypal, carta di credito / debito)

0 comments on “Come le formiche: Purgatorio XXVI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.