Dante è turbato, pieno di rimorso, sviene – Purgatorio XXXI

Torniamo col nostro Commento Collettivo alla Commedia, ormai soprannominato “CCC”, in cui tutti e cento i canti dell’opera dantesca vengono ripresi e commentati da altrettante firme contemporanee. Siamo al purgatorio e il commento di oggi è firmato da Costanza Rizzacasa d’Orsogna.


IN COPERTINA una miniatura di epoca medievale

di Costanza Rizzacasa d’Orsogna


Con il contributo di  


«Quest’è la luce de la gran Costanza». Mi chiamo Costanza per una terzina del Paradiso, quando i nomi che si davano ai figli erano viatico e auspicio. Costanza d’Altavilla, madre di Federico II, regina e imperatrice, reggente di grande intelligenza politica, laica a dispetto delle leggende (che Dante stesso riprese), nonché primipara attempata. È un luogo comune, osserva Hofstadter in “Gödel, Escher, Bach”, che la casualità sia un ingrediente indispensabile degli atti creativi. Oggi però voglio rileggere con voi, con l’aiuto di una nota edizione Garzanti, il XXXI canto del Purgatorio.

Avete mai ripercorso la vostra vita? Lo si fa solitamente in coincidenza di una grave malattia, della morte di una persona cara o dell’avvicinarsi della propria. Dante lo fa qui (anzi, inizia già nel canto precedente). È la mattina del 13 aprile del 1300, il mercoledì dopo Pasqua. Siamo nel Paradiso Terrestre, in cima alla montagna.

«O tu che se’ di là dal fiume sacro…»

Nel XXXI canto del Purgatorio, Beatrice si rivolge direttamente a Dante, rimproverandolo ed esortandolo a confessare i propri peccati. Al poveretto manca letteralmente la voce: in un misto di «confusione» e di «paura» emette un sì talmente debole che per udirlo è necessario l’ausilio della vista. Beatrice lo sferza: “La mia ‘bellezza’ ti ispirava ad amare Dio. Quali sirene ti hanno fatto deviare? Quali «agevolezze» ti si mostravano negli altri beni, per cui tu dovessi vagheggiarli?”. Dante trova a fatica la forza per rispondere, piange, parla dei falsi piaceri delle cose terrene dopo la morte di Beatrice («tosto che ‘l vostro viso si nascose»). Lei replica: “Confessate o no, Dio, le tue colpe, le conosce comunque. Ma quando il peccatore confessa di sua sponte i propri errori, la giustizia divina è clemente”. “Tuttavia”, aggiunge, “affinché in futuro tu possa mostrarti forte al richiamo delle sirene, smetti di piangere e ascolta. Capirai come la mia morte terrena avrebbe dovuto condurti su una strada opposta a quella che hai seguito”. Proprio la sua morte, spiega infatti Beatrice, avrebbe dovuto spingere il Poeta verso desideri più nobili, convincerlo della caducità delle cose mondane. Il Dante personaggio se ne rende conto proprio qui (e se qualcosa in questi versi – i miei preferiti del canto – vi ricorda Pascoli, non sbagliate).

«Quali fanciulli, vergognando, muti

con li occhi a terra stannosi, ascoltando

e sé riconoscendo e ripentuti,

tal mi stav’io;»

“Come i fanciulli, vergognandosi, se ne stanno muti con gli occhi a terra, ascoltando e ammettendo la propria colpa, pentiti, così stavo io”. Dante come i bambini che ascoltano, pentiti, i giusti rimproveri.

Dante parla di «ortica del pentimento», è turbato, pieno di rimorso, sviene. Personale ricordo d’infanzia: “Mamma, ma perché Dante sviene sempre?”, chiedevo a tre anni quando mia madre, ogni sera, tornata dalla morte in banca, mi raccontava la Commedia. Non è la prima volta che Dante sviene, infatti: ricordate il V canto dell’Inferno? Il XXXI del Purgatorio è pieno di riferimenti al canto di Paolo e Francesca, la confessione di Dante davanti a Beatrice parallela a quella di Francesca a Dante, il tema lo stesso: l’amore, che ci fa perdere, l’amore che può salvarci. Quando riprende i sensi, Dante si ritrova immerso fino alla gola nel Lete, vicino a Matelda (incontrata nel canto XXVIII). Gli angeli cantano il salmo Asperges me, Domine. “Mi laverai e sarò più bianco della neve”. Matelda spinge sott’acqua la testa di Dante, costringendolo a bere. È l’acqua che purifica da tutti i peccati: è l’assoluzione. Così il Poeta, ormai purificato, può godere finalmente della vista di Beatrice, la cui bellezza è incapace di descrivere: può, cioè, accostarsi alla verità e all’amore di Dio.

Accanto ai temi religiosi, accanto alle tante allegorie, dal mistero dell’incarnazione di Cristo alle virtù cardinali e teologali, che fanno di questo un canto “complesso”, su cui la critica si è scatenata, il XXXI canto del Purgatorio sottolinea anche qualcosa di profondamente umano: la reale esperienza d’amore che segnò la vita giovanile di Dante, e lo smarrimento, poi, che la morte di Beatrice determinò in lui. Riecheggia la Vita nuova, l’emozione alla vista di Beatrice. Beatrice che qui rimprovera a Dante anche presunte relazioni amorose (la «pargoletta», v. 59) che egli ebbe dopo la sua morte. Ma attenzione: non si tratta, in questo caso, di una giovane donna in carne ed ossa. In quel periodo, infatti, Dante si dedicava agli studi filosofici dai quali sarebbe poi nato il Convivio. Non è un peccato della carne, quindi, ma intellettuale: Beatrice, cioè la Teologia, tradita per la Filosofia.

 


Il canto, integrale

Canto XXXI, ove si tratta sì come Beatrice riprende l’auttore de le commesse colpe, e come la donna che avante li apparve il bagna.

“O tu che se’ di là dal fiume sacro”,
volgendo suo parlare a me per punta,
che pur per taglio m’era paruto acro,

ricominciò, seguendo sanza cunta,
“dì, dì se questo è vero; a tanta accusa
tua confession conviene esser congiunta”.

Era la mia virtù tanto confusa,
che la voce si mosse, e pria si spense
che da li organi suoi fosse dischiusa.

Poco sofferse; poi disse: “Che pense?
Rispondi a me; ché le memorie triste
in te non sono ancor da l’acqua offense”.

Confusione e paura insieme miste
mi pinsero un tal “sì” fuor de la bocca,
al quale intender fuor mestier le viste.

Come balestro frange, quando scocca
da troppa tesa, la sua corda e l’arco,
e con men foga l’asta il segno tocca,

sì scoppia’ io sottesso grave carco,
fuori sgorgando lagrime e sospiri,
e la voce allentò per lo suo varco.

Ond’ella a me: “Per entro i mie’ disiri,
che ti menavano ad amar lo bene
di là dal qual non è a che s’aspiri,

quai fossi attraversati o quai catene
trovasti, per che del passare innanzi
dovessiti così spogliar la spene?

E quali agevolezze o quali avanzi
ne la fronte de li altri si mostraro,
per che dovessi lor passeggiare anzi?”.

Dopo la tratta d’un sospiro amaro,
a pena ebbi la voce che rispuose,
e le labbra a fatica la formaro.

Piangendo dissi: “Le presenti cose
col falso lor piacer volser miei passi,
tosto che ’l vostro viso si nascose”.

Ed ella: “Se tacessi o se negassi
ciò che confessi, non fora men nota
la colpa tua: da tal giudice sassi!

Ma quando scoppia de la propria gota
l’accusa del peccato, in nostra corte
rivolge sé contra ’l taglio la rota.

Tuttavia, perché mo vergogna porte
del tuo errore, e perché altra volta,
udendo le serene, sie più forte,

pon giù il seme del piangere e ascolta:
sì udirai come in contraria parte
mover dovieti mia carne sepolta.

Mai non t’appresentò natura o arte
piacer, quanto le belle membra in ch’io
rinchiusa fui, e che so’ ’n terra sparte;

e se ’l sommo piacer sì ti fallio
per la mia morte, qual cosa mortale
dovea poi trarre te nel suo disio?

Ben ti dovevi, per lo primo strale
de le cose fallaci, levar suso
di retro a me che non era più tale.

Non ti dovea gravar le penne in giuso,
ad aspettar più colpo, o pargoletta
o altra novità con sì breve uso.

Novo augelletto due o tre aspetta;
ma dinanzi da li occhi d’i pennuti
rete si spiega indarno o si saetta”.

Quali fanciulli, vergognando, muti
con li occhi a terra stannosi, ascoltando
e sé riconoscendo e ripentuti,

tal mi stav’io; ed ella disse: “Quando
per udir se’ dolente, alza la barba,
e prenderai più doglia riguardando”.

Con men di resistenza si dibarba
robusto cerro, o vero al nostral vento
o vero a quel de la terra di Iarba,

ch’io non levai al suo comando il mento;
e quando per la barba il viso chiese,
ben conobbi il velen de l’argomento.

E come la mia faccia si distese,
posarsi quelle prime creature
da loro aspersïon l’occhio comprese;

e le mie luci, ancor poco sicure,
vider Beatrice volta in su la fiera
ch’è sola una persona in due nature.

Sotto ’l suo velo e oltre la rivera
vincer pariemi più sé stessa antica,
vincer che l’altre qui, quand’ella c’era.

Di penter sì mi punse ivi l’ortica,
che di tutte altre cose qual mi torse
più nel suo amor, più mi si fé nemica.

Tanta riconoscenza il cor mi morse,
ch’io caddi vinto; e quale allora femmi,
salsi colei che la cagion mi porse.

Poi, quando il cor virtù di fuor rendemmi,
la donna ch’io avea trovata sol
sopra me vidi, e dicea: “Tiemmi, tiemmi!”.

Tratto m’avea nel fiume infin la gola,
e tirandosi me dietro sen giva
sovresso l’acqua lieve come scola.

Quando fui presso a la beata riva,
’Asperges me’ sì dolcemente udissi,
che nol so rimembrar, non ch’io lo scriva.

La bella donna ne le braccia aprissi;
abbracciommi la testa e mi sommerse
ove convenne ch’io l’acqua inghiottissi.

Indi mi tolse, e bagnato m’offerse
dentro a la danza de le quattro belle;
e ciascuna del braccio mi coperse.

“Noi siam qui ninfe e nel ciel siamo stelle;
pria che Beatrice discendesse al mondo,
fummo ordinate a lei per sue ancelle.

Merrenti a li occhi suoi; ma nel giocondo
lume ch’è dentro aguzzeranno i tuoi
le tre di là, che miran più profondo”.

Così cantando cominciaro; e poi
al petto del grifon seco menarmi,
ove Beatrice stava volta a noi.

Disser: “Fa che le viste non risparmi;
posto t’avem dinanzi a li smeraldi
ond’Amor già ti trasse le sue armi”.

Mille disiri più che fiamma caldi
strinsermi li occhi a li occhi rilucenti,
che pur sopra ’l grifone stavan saldi.

Come in lo specchio il sol, non altrimenti
la doppia fiera dentro vi raggiava,
or con altri, or con altri reggimenti.

Pensa, lettor, s’io mi maravigliava,
quando vedea la cosa in sé star queta,
e ne l’idolo suo si trasmutava.

Mentre che piena di stupore e lieta
l’anima mia gustava di quel cibo
che, saziando di sé, di sé asseta,

sé dimostrando di più alto tribo
ne li atti, l’altre tre si fero avanti,
danzando al loro angelico caribo.

“Volgi, Beatrice, volgi li occhi santi”,
era la sua canzone, “al tuo fedele
che, per vederti, ha mossi passi tanti!

Per grazia fa noi grazia che disvele
a lui la bocca tua, sì che discerna
la seconda bellezza che tu cele”.

O isplendor di viva luce etterna,
chi palido si fece sotto l’ombra
sì di Parnaso, o bevve in sua cisterna,

che non paresse aver la mente ingombra,
tentando a render te qual tu paresti
là dove armonizzando il ciel t’adombra,

quando ne l’aere aperto ti solvesti?


A questo link si leggono i commenti a tutti i canti dell’Inferno.


Costanza Rizzacasa d’Orsogna, scrittrice, giornalista e saggista, scrive di letteratura e cultura americane per il supplemento “la Lettura” del Corriere della Sera.

Ti è piaciuto questo articolo? Da oggi puoi aiutare L’Indiscreto a crescere e continuare a pubblicare approfondimenti, saggi e articoli di qualità: invia una donazione, anche simbolica, alla nostra redazione. Clicca qua sotto (con Paypal, carta di credito / debito)

0 comments on “Dante è turbato, pieno di rimorso, sviene – Purgatorio XXXI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *