Edoardo Camurri, Introduzione alla realtà



2000 caratteri per parlare di un libro, ogni settimana o quasi, per chi legge L’Indiscreto e vuole leggere ancora di più.


Di Francesco D’Isa

Come molte altre persone aspettavo da tempo un libro di Camurri ed ero certo che il risultato sarebbe stato deliziosamente camurriano. Ne faccio un aggettivo perché l’originalità di certe voci si può solo auto-descrivere e la – come chiamarla – Psichedelica sapienziale? Filosofia acido-mistica? Social Theory Beat? Il timbro dell’autore insomma, come sa chi lo ascolta in radio o altrove, è difficile da catalogare e semplice da riconoscere.

In questo libro questa voce diventa anche la rottura di un genere, o forse un suo ritorno, perché Camurri scrive un testo di filosofia in un modo cui siamo disabituati. Niente note, niente eccessiva erudizione, molta chiarezza ma nessuna concessione al pacato stile analitico anglosassone. Il testo piega ogni genere al suo scopo e mescola senza imbarazzo l’autobiografico al sapienziale, il religioso al beat, la poesia con l’analisi.

Cos’è la realtà non lo dice, perché non può farlo, ma ci introduce a uno degli enigmi filosofici più vivi e dolorosi: la realtà è sia tutto quel che abbiamo che ciò contro cui scontriamo le ossa doloranti. Introduzione alla realtà, appunto, perché come ci insegnano i buddismi non viviamo tanto un’illusione quanto un aspetto parziale di un’indefinibile immensità, la cui percezione (o riconoscimento, o identificazione, è difficile trovare il termine giusto) ci libera dal peso che ci impone la sua visione parziale . “Ci impone” è qui da intendere con un ci molto forte, perché a imporsi è anche la nostra asfittica identità. Camurri in questo libro canta con  Eliot, quando scrive Go, go, go, said the bird: human kind / Cannot bear very much reality. / Time past and time future / What might have been and what has been / Point to one end, which is always present.

0 comments on “Edoardo Camurri, Introduzione alla realtà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *