Il limite di capienza del cervello per le immagini


L’immaginazione visiva è essenziale per il ragionamento, i ricordi e la memoria – ma ha dei limiti.


(Questo testo è la traduzione italiana di un articolo precedentemente uscito su Aeon sotto licenza Creative Commons)

di Rebecca Keogh

Immaginatevi di essere da Ikea e di dover acquistare un divano per il vostro nuovo appartamento. Ne vedete uno che vi piace, un divano biposto color vinaccia, con grandi e morbidi cuscini. Vi immaginate come starebbe con i vostri mobili e decidete che è il divano che volete. Mentre percorrete i labirintici corridoi del negozio trovate una bella lampada industrial-style e un tavolino da caffè, e provate a immaginarli accanto al divano. Figurarsi tutti e tre gli elementi però è più difficile che immaginare solo il divano. Quanti mobili credete di poter configurare nella vostra mente? C’è un limite a quanto è possibile abbracciare con un solo pensiero, o la nostra immaginazione è veramente illimitata?

È questa la domanda cui io e il mio supervisore abbiamo recentemente cercato di rispondere nel nostro laboratorio dell’Università del New South Wales. Invece dei mobili, abbiamo usato delle forme semplici, conosciute come Gabor patch, essenzialmente dei cerchi con delle linee al loro interno. Abbiamo anche usato un’illusione ottica nota come rivalità binoculare. La rivalità binoculare si verifica quando vengono mostrate due immagini diverse, una ad ogni occhio: quel che accade è che invece di vedere un mix delle due immagini se ne vede una sola, quella presentata all’occhio sinistro o quella presentata all’occhio destro. Un precedente lavoro del mio supervisore, Joel Pearson, ha dimostrato che immaginare una Gabor patch, o vederne una molto debole, aumenta la probabilità di osservare quell’immagine se viene successivamente presentata  in un display per la rivalità binoculare.

Per esempio, se vi chiedo di immaginare una Gabor patch rossa per qualche secondo, e poi vi mostro su un display di rivalità binoculare una patch rossa e una verde, è molto probabile che vedrete l’immagine rossa. Questo fenomeno è noto come priming, e viene spesso misurato come la percentuale di prove innescate (cioè la percentuale di volte in cui un individuo vede l’immagine immaginata nella successiva visualizzazione a rivalità binoculare). Poiché questo è stato studiato utilizzando sempre e solo un’immagine, abbiamo deciso di testare quanti oggetti è possibile immaginare contemporaneamente. Se fossimo in grado di immaginare un numero illimitato di oggetti, allora dovremmo ottenere lo stesso livello di priming  per una o più immagini.

Siamo partiti chiedendo ai partecipanti di immaginare da una a sette immagini. Abbiamo presentato delle indicazioni sul numero, colore e orientamento tra cui scegliere. È importante notare che le indicazioni che abbiamo dato erano presenti per tutto il tempo in cui i partecipanti immaginavano le patch, il che significa che non c’era alcuna confusione mnemonica, poiché non era necessario ricordare quale figura immaginare. Abbiamo scoperto che l’immaginazione dei nostri partecipanti era limitata, mostrando un priming a livelli casuali già quando dovevano tenere in mente circa tre o quattro elementi. Abbiamo eseguito questo esperimento altre volte, scoprendo inoltre che i soggetti giudicavano meno vivaci le immagini visive quando dovevano immaginare più oggetti, e che la precisione di questi oggetti diminuisce quando si immagina più di una figura alla volta.

Si può dunque dimostrare che ci sono dei notevoli limiti alla nostra immaginazione visiva. Perché? È probabile che i limiti della capacità di riproduzione visiva sorgano da qualche parte nella rete di neuroni preposti all’attività figurativa del cervello, che abbraccia le aree visive frontali e posteriori del cervello. Le aree frontali sono ritenute responsabili del controllo e della creazione di immagini attraverso connessioni top-down che alimentano le aree sensoriali (in questo caso visive) del cervello. Queste connessioni dall’alto verso il basso manipolano il tasso di emissione, o le connessioni sinaptiche, dei neuroni nelle aree del cervello che portano all’esperienza di immagini. Possiamo pensare a queste manipolazioni top-down come alla creazione di “mappe” delle figure che immaginiamo, situate nelle aree visive del nostro cervello. Quando immaginiamo delle figure multiple, creiamo delle mappe multiple, e queste competono tra loro per avere dello spazio nelle aree del cervello preposte alla visione. La concorrenza e l’interazione tra le mappe delle immagini sono forse all’origine dei nostri limiti.

Ma perché queste limitazioni sono importanti? Dopo tutto, l’immaginazione non è coinvolta solo nell’acquisto di divani e tavoli da Ikea. Prendiamo ad esempio il trattamento delle malattie mentali. Le fobie sono comunemente trattate con l’imaginal exposure. La terapia funziona esponendo ripetutamente ai pazienti la cosa che gli causa ansia, come ragni, giostre, gite in aereo, discorsi pubblici, altezze, ecc, e questa esposizione ripetuta porta a una diminuzione della paura. Per ovvie ragioni pratiche, può essere difficile esporre le persone ripetutamente a situazioni simili, quindi i medici usano l’imaginal exposure. Il paziente immagina nel dettaglio gli stimoli che inducono la paura, e si pensa che questo funzioni analogamente all’esposizione reale.

Un’altra forma di trattamento in psicologia clinica che coinvolge le immagini è l’imaginal rescripting, che viene utilizzato per trattare disturbi come la depressione, l’ansia generalizzata, il disturbo ossessivo-compulsivo e i disordini alimentari. L’imaginal rescripting consiste nella simulazione da parte dei partecipanti di scenari del passato o del futuro che producono paura o ansia. Si immaginano questi scenari il più dettagliatamente possibile, e poi si è invitati a figurarsi uno scenario alternativo dal risultato più positivo – si “riscrive” la memoria o il pensiero. Durante il processo viene anche insegnato come mutare l’atteggiamento nei confronti dei nuovi scenari.

Anche se le terapie basate sulle immagini, come l’imaginal exposure e l’imaginal rescripting, si sono dimostrate tra le migliori terapie cognitive comportamentali, non sono efficaci al 100%. Uno dei fattori che influenzano il funzionamento di questi trattamenti potrebbe essere il realismo degli scenari simulati, che è influenzato sia dai limiti dell’immaginazione che dalle differenze individuali nella capacità delle persone di creare gli scenari.

Oltre alla terapia, utilizziamo l’immaginazione visiva quando ricordiamo il passato e progettiamo il futuro; quando conserviamo e manipoliamo le informazioni nelle nostra memoria di lavoro; persino nei nostri giudizi morali e nelle nostre intenzioni di aiutare gli altri. I limiti all’immaginazione che abbiamo scoperto influenzano probabilmente anche la quantità e la qualità delle informazioni che siamo in grado di conservare ed elaborare durante una qualsiasi di queste situazioni. Questi limiti possono ridurre quel che siamo in grado di ottenere, sia nella vita quotidiana che negli interventi terapeutici.

Per ora, la giuria continua a chiedersi se la nostra capacità di visualizzare le immagini possa essere migliorata o meno (ed è proprio su questa domanda che sto attualmente lavorando). Ma quel che sappiamo è che, studiando e creando nuovi modi per quantificare i limiti della nostra immaginazione visiva, possiamo cominciare a capire i confini della mente umana e sviluppare nuovi modi per superarli.


Rebecca Keogh è borsista post-doc in neuroscienze cognitive presso l’University of New South Wales in Australia.
In copertina: Massimo Kaufmann, Senza titolo (2008), courtesy Pananti.

2 comments on “Il limite di capienza del cervello per le immagini

  1. scusate se mi permetto: con la bandierina “social” che passa sopra il testo la lettura è davvero snervante. su tablet si sbircia sopra e sotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *