Recensioni brevissime di libri difficili #26

Continuano le Recensioni brevissime di libri difficili. In questo episodio metafisici quantistici, filosofi che parlano di filosofi e, ovviamente, la morte.


> Nelle puntate precedenti

copSpinoza, di Karl Jaspers

Un bravo filosofo spiega (bene) un grande filosofo. Non solo, riesce anche a trasmettere la grande passione da cui nascono dei pensieri apparentemente freddi.
Trama: Spinoza.
Voto: ●●●●○

 

urlMetafisica quantistica, di Sven Ortoli

Le scoperte della fisica quantistica implicano una rivoluzione metafisica, che l’autore spiega con sintetica chiarezza.
Trama: I fisici hanno nuovi dubbi metafisici.
Voto: ●●●○○

 

Centrul-pentru-Studii-Complexe_Oameni-de-Stiinta-Romani_basarab_nicolescuFrom Modernity to Cosmodernity, di Basarab Nicolescu

Attraverso lo studio di filosofi, scienziati e mistici, un fisico propone una nuova metafisica: un affascinante mix tra Spinoza e la logica buddista, da un punto di vista sperimentale.
Trama: Esistono vari livelli di realtà, su cui lavorano varie discipline.
Voto: ●●●●○

978880619536MEDLa morte, di Vladimir Jankelevitch

Con un titolo così ci si aspetta una qualche teoria rivoluzionaria e invece è la lunga digressione sulla morte di un tizio abbastanza logorroico, anche se interessante. Dopo cento pagine però basta.
Trama: Un tizio parla della morte.
Voto: ●●○○○


VOTI

●○○○○ La vita è troppo breve per leggerlo.
●●○○○ Da leggere se hai letto gli altri.
●●●○○ Leggilo.
●●●●○ Leggilo presto.
●●●●● Leggilo subito.

di Francesco D’Isa

0 comments on “Recensioni brevissime di libri difficili #26

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *