Recensioni brevissime di libri difficili #27

Continuano le Recensioni brevissime di libri difficili. In questo episodio matematica, fisica, sogni ed Elena Ferrante.


> Nelle puntate precedenti

urlL’amica geniale, di Elena Ferrante.

Leggere senza interruzioni, amare i personaggi anche se li odi, avere l’impressione di conoscerli se non addirittura di essere loro. È probabilmente il 95% di quel che serve a un romanzo.
Trama: L’amicizia di due amiche.
Voto: ●●●●○

guenon_metaphysical_calculusI principi metafisici del calcolo infinitesimale, di René Guenon.

Guenon se la prende con Leibniz perché non capisce la differenza tra infinito e indefinito. Sembra quasi aver ragione, ma poi ci si accorge che cambia semplicemente nome al problema.
Trama: L’infinito matematico non esiste.
Voto: ●●○○○

41iRc9Zs2LL._SX330_BO1,204,203,200_Beyond the atom, di Kalervo Laurikainen.

Pochi sanno che Pauli, oltre che un celebre fisico, era un ottimo filosofo (e un quasi paziente di Jung). La collezione delle sue lettere ci permette di scoprire il pensiero di un grande fisico metafisico.
Trama: Cosa ne pensa Pauli?
Voto: ●●●○○

cover_sogni_DEF_Layout 1Storia segreta dei sogni, di Robert Moss.

L’ “archeologia dei sogni”, ovvero una breve storia dei vari approcci al mondo onirico, con in più il resoconto delle imprese di alcuni sognatori famosi. Interessante e ben informato, ma come “archeologo” è un po’ troppo di parte.
Trama: Sognatori famosi.
Voto: ●●●○○


VOTI

●○○○○ La vita è troppo breve per leggerlo.
●●○○○ Da leggere se hai letto gli altri.
●●●○○ Leggilo.
●●●●○ Leggilo presto.
●●●●● Leggilo subito.

di Francesco D’Isa

0 comments on “Recensioni brevissime di libri difficili #27

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.